Escolzia | Proprietà | A Cosa Serve | Benefici, Controindicazioni 10 Lug 2022 | In X115

Che Cos’è

L’escolzia (Eschscholzia californica) è una piccola pianta ornamentale dai caratteristici fiori giallo-arancioni.

Appartiene alla stessa famiglia del papavero (Papaveraceae) ed è per questo conosciuta come papavero della California.

Oltre a essere usata come pianta ornamentale, l’escolzia riconosce un impiego erboristico come rimedio sedativo e ansiolitico.

I suoi estratti aiutano quindi a risolvere stati di tensione emotiva e lievi disturbi del sonno.

A tale scopo, si utilizzano le parti aeree in fase di fioritura, che vengono poi essiccate e utilizzate per preparare infusi e altri estratti acquosi o idro-alcolici.

L’escolzia è originaria della California e del Nord del Messico, ma si è perfettamente adattata in diversi Paesi europei, dove viene frequentemente coltivata nei giardini ornamentali.

A Cosa Serve

L’escolzia è una pianta medicinale e ornamentale.

Come pianta medicinale, è stata usata dai nativi americani e ancora oggi viene sfruttata come rimedio sedativo, ipnotico e analgesico.

La ricerca scientifica sulle proprietà medicinali dell’escolzia è promettente, ma ancora troppo preliminare per supportarne un impiego clinico ben definito.

D’altro canto, gli effetti positivi dell’escolzia per alleviare ansia e nervosismo, e migliorare la qualità del sonno sono stati empiricamente riconosciuti.

Questo impiego tradizionale è ritenuto plausibile sulla base dei dati farmacologici in vitro e in vivo esistenti. Tuttavia, mancano studi clinici controllati, per cui l’efficacia dell’escolzia è plausibile ma non dimostrata 1.

Indicazioni: Quando Usare l’Escolzia

Ancora oggi, l’escolzia rimane ampiamente popolare tra i praticanti erboristici come trattamento affidabile per i disturbi del sonno, in particolare la sovreccitazione e l’insonnia, e anche come antispasmodico quando c’è tensione muscolare, irrequietezza e dolore 1.

Possibili indicazioni all’uso dell’escolzia includono:

Negli integratori alimentari, l’escolzia risulta spesso associata ad altri principi attivi o estratti vegetali con proprietà analoghe, come Passiflora, Withania, Biancospino, Valeriana e Magnesio.

Proprietà e Benefici

Principi attivi

I principali componenti attivi dell’escolzia sono gli alcaloidi isochinolinici (come la californidina e l’escoltzina).

Queste sostanze sono responsabili degli effetti sedativi, ansiolitici e analgesici minori dell’escolzia, probabilmente mediati dall’interazione con i recettori delle benzodiazepine 24, 25.

La californidina isolata, ad esempio, sembra possedere effetti ipnotici (induce il sonno), sedativi, ansiolitici e spasmolitici.

Studi in vitro e su animali hanno inoltre dimostrato il legame degli alcaloidi del papavero della California ai recettori del GABA e degli oppiacei 1.

Ansia

Le proprietà sedative e ansiolitiche degli estratti di papavero della California sono state dimostrate in numerosi studi preclinici 18, 19, 20, 21.

Uno studio ha indagato gli effetti di una combinazione di Escolzia (20 mg di estratto acquoso secco), Biancospino (75 mg di estratto acquoso secco) e Magnesio (75 mg di magnesio elementare) su 130 pazienti con disturbo d’ansia generalizzato 1.

Rispetto al placebo, il trattamento ha mostrato benefici statisticamente significativi associati a tutti i parametri dell’ansia (valutati dai punteggi della scala di Hamilton) ai giorni 14, 60 e 90. Gli effetti collaterali non differivano rispetto al placebo.

Disturbi del Sonno

Dosi superiori a 100 mg/kg di estratto acquoso di Escolzia sembrano accelerare l’induzione del sonno nei ratti, confermando l’azione sedativa empiricamente apprezzata 1. Nello stesso studio, a dosi più basse, pari a 25 mg/kg, l’escolzia ha prodotto un’azione ansiolitica.

In uno studio su 36 persone con insonnia, l’associazione di estratti di valeriana (128 mg) ed escolzia (320 mg) ha permesso a pazienti di migliorare i loro sintomi del 30% entro un mese dall’inizio del trattamento 1.

In particolare, i pazienti hanno beneficiato di un’aumentata durata del sonno e della sua efficienza, con un minor numero di risvegli notturni.

Tuttavia, questo studio non aveva un gruppo di controllo. Inoltre, i ricercatori sono stati arruolati dalla società produttrice dell’integratore e questo potrebbe aver influenzato i risultati.

Uno studio clinico in aperto su 60 pazienti (2 bambini, 38 donne, 20 uomini) che soffrivano di disturbi del sonno ha indagato gli effetti di un prodotto a base di escolzia nebulizzata 1.

Gli adulti hanno ricevuto una dose di 2 grammi di prodotto (2 capsule da 0,50 g a cena e prima di dormire), mentre i bambini hanno ricevuto una dose totale di 0,5 grammi.

Dopo 6 mesi di trattamento, il 43% dei pazienti ha riportato risultati eccellenti, principalmente per la qualità del sonno, il 43% ha riportato buoni risultati e il 14% ha rinunciato allo studio a causa della mancanza di efficacia.

Gli Autori hanno concluso che l’escolzia esercita un’azione positiva, efficace e costante sui disturbi del sonno.

Dolore

Un prodotto contenente 3 grammi di erbe essiccate standardizzate allo 0,8% di alcaloidi isochinolinici (californidina, escoltzina e protopina) è autorizzato dall’agenzia governativa Health Canada e commercializzato come analgesico e lieve sedativo (ipnotico), da utilizzare come analgesico o co-analgesico nella gestione della malattia da dolore cronico.

Questo prodotto è stato testato in uno studio in aperto su pazienti con dolore cronico, sperimentando diversi protocolli di somministrazione e analizzando le autovalutazioni dei soggetti sul dolore e l’insonnia.

Gli Autori hanno concluso che l’estratto standardizzato di papavero della California può essere utilizzato nella gestione del dolore cronico e come lieve ipnotico-sedativo per la gestione del dolore e dell’insonnia 1.

Un case report descrive l’esperienza di una paziente con dipendenza da oppiacei (ossicodone) per la gestione del dolore. L’impiego della tintura 1:2 di Eschscholzia (1 cucchiaino ogni 2 ore di veglia) ha aiutato a ridurre il dolore neuropatico cronico e ha interrotto la dipendenza per 1 mese 1.

Modo d’uso

Al momento non ci sono prove sufficienti per stabilire una dose di escolzia ben definita.

La monografia dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) descrive le seguenti possibilità di utilizzo dell’escolzia 1:

Negli animali, gli effetti sedativi sono stati dimostrati a dosi più elevate, mentre gli effetti ansiolitici sono predominanti a intervalli di dosaggio più bassi.

In particolare, i risultati di uno studio in vivo suggeriscono che E. californica possiede effetti anti-ansia a una dose di 25 mg/kg/topo ed effetti sedativi a dosi superiori a 100 mg/kg/topo (che equivalgono nell’uomo rispettivamente a 2mg/kg e 8,1 mg/kg) 54, 55.

Avvertenze

Non superare la dose giornaliera raccomandata dal medico o riportata nel foglio illustrativo del prodotto.

Tenere lontano dalla portata dei bambini al di sotto dei 3 anni di età.

L’escolzia e gli altri integratori non vanno intesi come sostituti di una dieta varia ed equilibrata e di uno stile di vita sano.

Se i sintomi persistono per più di 2 settimane o si aggravano durante l’uso del prodotto, si consiglia di contattare un medico o un operatore sanitario qualificato.

Considerato l’effetto sedativo, l’uso di escolzia ad alte dosi potrebbe compromettere la capacità di guidare veicoli e di usare macchinari.

Uno studio ha avvertito che l’estratto di papavero della California e i suoi alcaloidi, tra cui escoltzina e allocriptopina, possono interagire con alcuni farmaci.

Questi includono anticoagulanti come il warfarin e farmaci per la pressione sanguigna come il metoprololo 12, 13.

Controindicazioni

I dati sulla sicurezza degli estratti di eschscholtzia sono scarsi; tuttavia, a causa dei loro effetti simili agli oppioidi, non dovrebbero essere usati in pazienti che manifestano apnea notturna.

L’utilizzo dell’escolzia è controindicato anche in caso d’ipersensibilità accertata verso uno o più componenti del prodotto.

Più in generale, l’assunzione di integratori di escolzia in presenza di condizioni patologiche o situazioni particolari, o se si sta seguendo una terapia farmacologica, è consigliata soltanto sotto controllo del medico che, conoscendo approfonditamente il quadro clinico del paziente, saprà dare i migliori consigli.

Uso nei Bambini e in Gravidanza

A causa della mancanza di prove, non è possibile dire in modo definitivo se l’assunzione di escolzia sia o meno sicura durante la gravidanza e l’allattamento.

Vale quindi il principio prudenziale secondo cui è meglio astenersi dall’assunzione di integratori alimentari, a meno che il medico non ritenga che i benefici siano superiori agli ipotetici rischi.

Sono disponibili ricerche limitate o inesistenti sugli usi pediatrici dell’escolzia e la sua sicurezza non è stata sufficientemente studiata nei bambini.

Per questo motivo, sempre per un principio prudenziale, è bene evitare la somministrazione di escolzia ai bambini, a meno che il medico non ritenga che i benefici siano superiori agli ipotetici rischi.

Secondo l’EMA, l’uso di escolzia in bambini e adolescenti di età inferiore ai 18 anni di età non è raccomandato 1.

Effetti Collaterali

L’escolzia appare una droga sicura, essendo stata usata come rimedio tradizionale per molto tempo senza problemi di sicurezza.

Sono possibili casi di reazioni allergiche, tuttavia la frequenza non è nota.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Nuova Corpo X115® BODY
Scopri i suoi Benefici
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie?
Scopri Vitamina C Suprema ®
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come