Guggul | Commiphora mukul | Proprietà, Benefici, Controindicazioni 19 Giu 2023 | In X115

Che Cos’è

Il guggul è un piccolo albero medicinale diffuso nel subcontinente indiano.

Risponde al nome botanico Commiphora mukul (Wightii) e viene ampiamente usato nella medicina ayurvedica.

In effetti, in sanscrito il termine "guggul" significa "protegge dalle malattie".

Gli studi confermano che i componenti attivi presenti nella resina di guggul possiedono attività antiossidanti e antinfiammatorie, ma le prove sono troppo deboli per raccomandarne l’utilizzo in campo medico.

A Cosa Serve

La pianta del guggul è ampiamente distribuita in tutta l’India e nelle regioni aride adiacenti.

La linfa che scorre nella pianta (nota anche come guggul, gomma guggul, guggula o gugulipide) viene prelevata dall’albero incidendone la corteccia.

Il fragrante lattice giallo solidifica mentre fuoriesce dall’incisione, costituendo la "droga" usata in fitoterapia e medicina ayurvedica.

La gommoresina di guggul è stata usata per secoli per trattare varie condizioni di salute, come obesità, artrite e infiammazione 1.

Altri usi tradizionali hanno incluso disfunzioni epatiche, tumori, ulcere e piaghe, disturbi urinari, vermi intestinali, edema, convulsioni e come tonico cardiaco.

In occidente, il guggul è stato pubblicizzato per la presunta capacità dimagrante e di aumentare l’attività della tiroide ma, stando ai risultati degli studi, è improbabile che questi benefici si manifestino.

Più solide sono le prove a sostegno della capacità di abbassare il colesterolo nel sangue e contrastare stress ossidativo e infiammazione.

Principi attivi – Come Funziona

Il guggul contiene diversi componenti farmacologicamente attivi, inclusi steroidi, oli essenziali, lignani, flavonoidi, carboidrati e aminoacidi, tutti responsabili dei suoi vari effetti sulla salute.

I principi attivi caratterizzanti sono gli steroidi guggulsteroni (stereoisomeri E e Z), che possono avere proprietà antinfiammatorie 2.

Gli studi hanno anche dimostrato che i guggulsteroni sono ligandi antagonisti del recettore farnesoide X, che viene attivato dai sali biliari, riducendo così il colesterolo 3.

I guggulsteroni sono anche stati studiati per l’utilizzo nell’elevare la funzione tiroidea, ma con risultati poco brillanti 4.

È stato anche descritto che alcuni triterpenoidi, come il mirranone (A, B) e il mirranolo (A, B, C) possono avere attività antinfiammatorie 5, 6.

Proprietà e Benefici

Colesterolo e salute del cuore

Stando ai risultati degli studi su animali, il guggul può ridurre i livelli di colesterolo e trigliceridi nel sangue 7, 8.

Tuttavia, i benefici sulla lipidemia negli esseri umani rimangono poco chiari.

Numerosi studi clinici condotti in India mostrano che il guggul può aiutare con il colesterolo alto, riducendo colesterolo LDL, totale e trigliceridi 9, 10, 11, 12, 13, 14.

Tuttavia, in un più recente studio RCT su 103 adulti sani il guggul non ha migliorato i livelli di colesterolo. Secondo questo studio, può persino aumentare i livelli di colesterolo LDL (cattivo) e causare una reazione cutanea allergica 15.

Fino a quando non saranno condotti studi più ampi e a lungo termine, e non sarà chiarita l’incidenza di eventi avversi, gli estratti di C. mukul non possono essere raccomandati di routine per la gestione dell’iperlipidemia 16, 17.

In uno studio su 200 pazienti con cardiopatia ischemica, Commiphora mukul in combinazione con Inula racemosa (un altro rimedio ayurvedico) ha migliorato le letture dell’elettrocardiogramma e diminuito gli episodi di dispnea e dolore toracico 18.

Studi sugli animali hanno anche suggerito che il guggul può proteggere dalle lesioni cardiache nei ratti con danni cardiaci indotti artificialmente 19, 20.

Diabete

Nei topi con diabete indotto, la somministrazione di estratti di Commiphora mukul ha migliorato la tolleranza al glucosio, ridotto i livelli plasmatici di insulina, ridotto l’aumento di peso e migliorato il profilo lipidico 21, 22.

Tuttavia, mancano prove recenti e conferme sugli esseri umani 21.

Inoltre, un recente studio in doppio cieco, controllato con placebo, ha trovato che il guggul era statisticamente inefficace nell’abbassare la glicemia nelle persone con diabete di tipo 2 23.

Artrosi

Secondo uno studio su 30 persone con artrosi al ginocchio, l’integrazione con guggul per 2 mesi (500 mg/die, 3,5% guggulsteroni) può ridurre il dolore e il gonfiore, e migliorare la mobilità 24.

Un altro studio clinico più vecchio sostiene questi benefici, ma servono ulteriori conferme prima di pronunciarsi sulla sua utilità contro il dolore artrosico 24.

Salute della pelle

Il guggul è stato studiato per il suo potenziale nel trattamento dell’acne nodulocistica (una forma grave di acne in cui si formano noduli e cisti su viso, torace e schiena) 25.

Uno studio su 20 pazienti affetti da acne nodulocistica ha rilevato che gli integratori orali di guggul (equivalenti a 25 mg/die di guggulsterone) possono ridurre l’infiammazione e la frequenza delle recidive 26. L’efficacia è risultata simile a quella della tetraciclina, un antibiotico comunemente usato per curare l’acne.

Inoltre, le persone con pelle particolarmente grassa hanno risposto significativamente meglio al guggulsterone rispetto al trattamento con tetraciclina 26.

Un altro studio precedente ha rilevato che l’assunzione di guggul per via orale per 6 settimane ha aiutato a curare l’acne senza causare effetti avversi importanti 27.

Ipotiroidismo

Sebbene sia stato pubblicizzato per questo presunto beneficio, non ci sono molte prove sulla capacità del guggul di aumentare la secrezione di ormoni tiroidei.

In uno studio sugli animali, il guggul ha stimolato la ghiandola tiroidea nei ratti, aumentando sia l’assorbimento di iodio che l’attività degli enzimi tiroidei 4.

Un altro studio sui topi ha scoperto che il guggul ha aumentato i livelli di T3, un tipo di ormone tiroideo 28.

Una ricerca sull’uomo ha studiato la gestione dell’ipotiroidismo con compresse di Triphladya Guggulu e un decotto di Punarnavadi Kashayam.

I risultati hanno mostrato che il trattamento ha migliorato significativamente i segni e i sintomi associati all’ipotiroidismo, come debolezza, affaticamento e dolori muscolari 29.

Perdita di peso

Se confermata, la presunta capacità del guggul di stimolare la ghiandola tiroidea avrebbe effetti positivi anche sulla perdita di peso.

Tuttavia, esistono pochissime prove di alta qualità a sostegno del suo utilizzo per questo scopo.

Uno studio in provetta suggerisce che il guggul può favorire la perdita di peso inducendo la scomposizione del grasso, riducendo così il volume del tessuto adiposo 30.

Uno studio sui ratti ha scoperto che il guggul ha avuto effetti positivi sugli ormoni regolatori dell’appetito grelina e leptina 31.

Uno studio clinico pilota su 58 persone obese ha rilevato che in media il guggul (1,5-3 g al giorno per 30 giorni) ha promosso la perdita di 580 grammi di peso in più rispetto al gruppo non trattato 32. Negli individui di peso superiore ai 90 kg, il guggul ha permesso di perdere 2,25 kg in più.

In un altro studio pilota RCT su 20 adulti in sovrappeso, un integratore orale di guggul ha ridotto il peso corporeo, ma questa riduzione in confronto al gruppo placebo, sebbene superiore, non ha raggiunto la significatività statistica 33.

Effetti antinfiammatori

Gli estratti di C. mukul possono ridurre i livelli di diversi mediatori dell’infiammazione, tra cui interleuchine, fattori di trascrizione e citochine, ed enzimi ialuronidasi e collagenasi 2, 34, 35, 36, 37, 38.

Anche i benefici osservati nel trattamento di artrosi, malattie infiammatorie agli occhi, pancreatite e infiammazioni oculari sostengono i potenziali effetti antinfiammatori della resina guggul 39, 40, 41.

Modo d’uso

Non ci sono raccomandazioni ufficiali sul dosaggio di guggul, ma in generale gli studi indicano che una dose indicativa può essere di 400-500 mg, assunti 3 volte al giorno durante i pasti per un totale di 1.200-1.500 mg al giorno.

Controindicazioni

Il guggul è probabilmente pericoloso durante la gravidanza. Secondo alcune prove può infatti stimolare l’utero e promuovere il flusso mestruale.

Poiché non ci sono prove sufficienti per determinare la sicurezza di guggul durante l’allattamento, dovrebbe essere evitato anche dalle donne che allattano.

Cautela può essere giustificata nei pazienti che hanno precedentemente manifestato effetti avversi alle statine.

Secondo alcune prove, il guggul potrebbe ridurre la capacità di coagulazione del sangue. I pazienti con disturbi emorragici o che assumono farmaci che influiscono sul rischio di sanguinamento dovrebbero quindi evitare questo integratore 42.

Analogo discorso per i pazienti con tumori sensibili agli ormoni, come il cancro al seno, all’utero e alle ovaie, considerata la potenziale capacità del guggul di interagire con i recettori di questi ormoni 43.

Il guggul, infine, può influenzare le terapie farmacologiche per i disturbi alla tiroide e potenziare l’azione dei farmaci ipocolesterolemizzanti 28.

Effetti Collaterali

In generale, negli studi clinici sono stati riportati eventi avversi minimi o nulli.

Gli effetti collaterali registrati erano principalmente correlati all’apparato gastrointestinale (diarrea, nausea) oltre a casi di ipersensibilità, possibili problemi alla tiroide, mal di testa, singhiozzo ed eruzione cutanea 44, 2, 11, 17, 61, 17.

Ad esempio, in uno studio che valutava l’effetto del guggul sull’iperlipidemia, nel 9% dei partecipanti sono state osservate reazioni cutanee generalizzate da moderate a gravi, che hanno portato all’abbandono dello studio 45.

Esistono anche segnalazioni di reazioni eczematose acute a creme contenenti guggul 46, 47.

Inoltre, se assunto in dosi elevate, il guggul è stato collegato a danni al fegato. Per questo motivo, si raccomanda alle persone con malattie del fegato di prestare attenzione quando assumono guggul 1, 48, 49.

Infine, è stato descritto un caso clinico di rabdomiolisi in un paziente che aveva assunto un estratto di C. mukul alla dose di 300 mg 3 volte al giorno e che era stato precedentemente sensibilizzato (aumento della creatina chinasi) alle statine 50.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Ebook X115® | Collagene - La Proteina Antietà
Scaricalo Gratis
X115® FACE | Con Peptidi liftanti di 3a Generazione
Scopri i suoi Benefici
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Nuova Crema Corpo X115® BODY
Scopri i suoi Benefici
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie
Scopri Vitamina C Suprema ®
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come