Maschera Peel Off Spiegata – Cos’è? Quali Benefici per la Pelle? 21 Nov 2018 | In X115

Generalità

Nell’universo delle maschere per il viso, la maschera peel off è quella su cui puntare quando si vuole esfoliare la cute e liberarla da impurità e tossine. Non a caso, infatti, la maschera peel off è quella più consigliata quando si vuole agire contro gli odiati punti neri e per restituire alla cute la sua naturale luminosità.

Questa tipologia di maschera viso, una volta asciugatasi, si comporta come una sorta di pellicola. Essa attira e intrappola cellule morte, residui di inquinamento e sostanze di scarto, portandole con sé quando viene rimossa dal viso. Ed è proprio dal particolare meccanismo di rimozione che deriva il nome peel off, equivalente inglese di “pelare via” o “sbucciare”. A differenza della maggior parte delle maschere in commercio, infatti, la maschera peel off non va lavata via, ma sollevata e tirata come una sorta di adesivo.

Per questa caratteristica alcuni la definiscono anche maschera “a strappo”, accomunandola ad una sorta di ceretta o ad un cerotto. Tuttavia, per salvaguardare il benessere della cute sconsigliamo vivamente di strappare via la maschera dal viso; al contrario, è importante rimuovere la maschera peel off con delicatezza per evitare di causare irritazioni e rossori.

Questo tipo di maschera per il viso è adatta a tutti i tipi di pelle, con particolare riferimento alle pelli miste o grasse, o che comunque presentino eccesso di sebo e impurità. Tuttavia, a seconda dei principi attivi in esse contenuti, si possono trovare facilmente anche maschere peel off adatte alle pelli secche, o con antiossidanti per le pelli mature.

Cerchiamo allora di approfondirne qualità e caratteristiche, per aiutarci a scegliere la maschera peel off più adatta alle nostre esigenze.

Approfondimento – Maschere per il viso: tutte le tipologie

Prima di addentrarci nel mondo delle maschere peel off e di indagarne funzioni e benefici, dobbiamo tenere presente che esse non rappresentano l’unica tipologia di maschera viso in commercio. Al contrario.

Vantaggi

Negli ultimi anni le maschere si sono ritagliate una fetta non indifferente del mercato della cura della pelle e ad oggi rappresentano senza alcun dubbio uno dei cosmetici più ricercati. Le ragioni sono molteplici:

  • Offrono un’azione intensiva rispetto alle creme;
  • Oltre ai benefici a lungo termine, danno un’immediata sensazione di freschezza e benessere;
  • Vanno applicate una o al massimo due volte a settimana (sebbene serva in ogni caso una certa costanza d’impiego affinché diano i risultati sperati).

 Tipi di maschere viso

Alla grande richiesta di maschere per il viso, le aziende hanno risposto con una vasta scelta di prodotti che si adattassero a tutte le esigenze della pelle.

  • Maschere in crema: Rappresentano la grande maggioranza delle maschere viso presenti sul mercato. Come il nome stesso lascia intuire, hanno una consistenza cremosa che ricorda per l’appunto quella delle creme viso a cui siamo tanto abituati. Tuttavia, esse vanno applicate in un sottile strato sulla cute e lasciate agire per un tempo prestabilito prima di essere rimosse con acqua tiepida o massaggiate fino a completo assorbimento. Esistono anche maschere viso ad azione notturno che vanno quindi lasciate in posa per tutta la notte.
  • Maschere a due corpi: si tratta di maschere viso formate da due composti che vanno poi miscelati sul momento. Il primo dei due è rappresentato dal veicolo detto base, spesso costituito da betonite, un materiale naturale dalla giusta consistenza per essere applicato sulla pelle e che si presta ad essere amalgamato ad altri ingredienti. L’altro composto, invece, contiene gli ingredienti funzionali della maschera, che variano a seconda dell’effetto che si vuole ottenere. Il vantaggio della maschera a due corpi sta sicuramente in una migliore conservazione del prodotto e dei suoi principi attivi.
  • Maschere in tessuto: sono senza alcun dubbio le maschere più in voga negli ultimi tempi. Il loro successo si deve molto probabilmente alla loro semplicità di utilizzo; le maschere in tessuto infatti si presentano già sagomate e impregnate di ingredienti attivi, così da dover essere solo appoggiate sul viso seguendone i naturali contorni. Sono inoltre già dotate di fori prestabiliti per occhi, narici e bocca, il che rende il posizionamento ancora più semplice. Purtroppo, questo tipo di maschere tiene conto di una misura del volto standard che quindi penalizza leggermente chi ha un viso più piccolo o più grande della media. Altro svantaggio è rappresentato dalla facilità con cui si staccano autonomamente dal viso; per questa ragione sono stati inventati dei copri maschera in silicone che consentono di muoversi liberamente senza il timore che la maschera cada.
  • Maschere all’argilla: sono forse le maschere viso più antiche, risalenti ai primordi della cura della pelle e dell’organismo. I bagni termali con applicazioni di fanghi sulla pelle di viso e corpo, infatti, sono tra i più antichi trattamenti medicali e cosmetici giunti fino a noi, usati inizialmente come cura contro svariate affezioni cutanee. Anche oggi vengono utilizzate come trattamenti dermo-estetici con azione soprattutto purificante, detossinante e astringente, per combattere foruncoli, punti neri e acne. Dal momento che possono seccare la pelle si consiglia di chiedere parere al proprio dermatologo in caso di cute sensibile e di abbinarle sempre ad una buona crema idratante.
  • Maschere peel off: vediamo ora nel dettaglio le funzionalità e i benefici di questo tipo di maschera per il viso.

Funzioni

Come abbiamo già anticipato, le maschere peel off svolgono in primis un’azione esfoliante, che pulisce a fondo la cute rigenerandola. Per essere efficaci, dunque, queste maschere viso devono aderire alla cute così da intrappolare cellule morte e impurità, e inoltre devono contenere ingredienti attivi utili al benessere della pelle.

Formulazione delle maschere peel off

Esistono in genere due tipi di maschere peel off:

Azione in base ai principi attivi

Oltre a questo effetto purificante dato dalla composizione di base della maschera peel off, avremo funzioni diverse a seconda dei principi attivi in essa contenuti. A seconda delle proprie necessità, dunque, si potrà scegliere tra maschere peel off

E molte altre. L’importante è leggere sempre con attenzione l’etichetta per certificare la presenza degli ingredienti promessi e non rischiare di acquistare solo colla vinilica colorata.

Curiosità

Tra le maschere peel off più discusse e gettonate c’è sicuramente la maschera nera o black mask; si tratta di una maschera molto in voga tra gli appassionati della cura della pelle che si presenta dello stesso colore dell’inestetismo a cui intende rimediare… i famigerati punti neri!

Proprietà

Potremmo schematizzare dicendo che la maschera peel off presenta i seguenti benefici:

Effetti della maschera peel off

Immediatamente la pelle apparirà più pulita, fresca e luminosa; nel lungo periodo invece si potrà osservare una trama cutanea più liscia e uniforme, nonché una diminuzione nella produzione di sebo e pertanto nella formazione degli inestetismi ad esso collegati.

Questo ovviamente a patto che vengano rispettate le istruzioni di applicazione, mantenimento e rimozione della maschera stessa. Come per tutti i cosmetici infatti, anche un utilizzo inadeguato delle maschere peel off può comportare serie conseguenze per la cute.

Allo stesso tempo non possiamo aspettarci che un uso saltuario delle maschere per il viso ci assicuri i risultati promessi. L’ideale è chiedere consiglio al proprio dermatologo per quanto riguarda la frequenza di applicazione – che in genere è di circa una volta a settimana – e mantenerla con costanza, anche abbinando la maschera peel off ad altri trattamenti cosmetici, quali peeling o creme specifiche.

Vantaggi

In aggiunta ai benefici già menzionati, le maschere peel off presentano una serie di vantaggi applicativi che ne facilitano l’utilizzo:

Gli errori più comuni

Nonostante quindi le maschere peel off presentino senza dubbio un gran numero di aspetti positivi, non tutti le apprezzano. Perché?

Prima di tutto è bene parlare di aspettative. Alcune di queste maschere vengono pubblicizzate enfatizzando in modo esagerato gli effetti promessi, come una distesa di residui di punti neri e impurità sulla superficie della maschera una volta che viene rimossa. Ebbene, questo non sempre accade o a volte non nella misura in cui si vorrebbe. Dobbiamo però tenere in considerazione che nessun prodotto cosmetico fa miracoli e che non tutte le pelli sono uguali, e spesso reagiscono in modo molto diverso a parità di prodotto.

In secondo luogo, un utilizzo intensivo della maschera non porterà a risultati migliori. Insieme a cellule morte e punti neri, infatti, le maschere peel off portano con sé anche parte della naturale barriera cutanea, che difende la pelle e la mantiene idratata. Applicazioni troppo frequenti del prodotto, pertanto, non solo non porteranno miglioramenti alla cute, ma rischieranno di danneggiarla e quindi di peggiorarne le condizioni.

Il sistema peel off, infine, è pratico e regala non poche soddisfazioni se eseguito correttamente; tuttavia, per funzionare adeguatamente è importante che vengano rispettate le istruzioni riportate sulla confezione, soprattutto quelle legate al tempo di posa. Lasciare la maschera troppo a lungo sulla cute, infatti, può rendere doloroso il processo di rimozione e causare quindi irritazioni o persino screpolature o infezioni. Nel caso in cui togliere la maschera dovesse rivelarsi più difficile del previsto, può essere utile aiutarsi con dell’acqua tiepida e in ogni caso mai sfregare con troppa forza.

Curiosità

Oltre alla famosa maschera nera, tra le maschere peel off più particolari troviamo quella arcobaleno, la maschera a base di oro 24 carati o quella all’argento colloidale.

Ingredienti

Abbiamo detto, dunque, che le maschere peel off possono avere funzioni differenti a seconda dei principi attivi in esse contenuti. Vediamo allora i più richiesti e le loro funzioni.

Carbone Vegetale

Conosciuto anche come carbone attivo, è l’ingrediente spesso responsabile del colore della maschera nera (attenzione: in alcuni casi è semplice colorante, quindi è sempre meglio verificare l’INCI del prodotto). Fino a pochi anni fa se ne limitava l’impiego ad un uso interno contro gonfiore, meteorismo e problematiche intestinali; si è scoperto tuttavia che questo ingrediente, grazie soprattutto alla sua proprietà adsorbente, può rivelarsi anche un valido alleato della pelle. Nello specifico il carbone vegetale aiuta a regolare la produzione di sebo e ad eliminare impurità e tossine, senza tuttavia incorrere nello spiacevole effetto “pelle che tira”.

Acido Ialuronico

In caso di cute secca, o per non rischiare di andare incontro a disidratazione cutanea, è bene affidarsi a maschere peel off che contengano acido ialuronico. Questo prezioso ingrediente infatti è ben noto per la sua capacità di attirare e tenere legate le molecole d’acqua presenti nell’atmosfera o nel cosmetico, così da restituirle alla cute e mantenerla idratata.

Collagene

Tra gli ingredienti più ricercati e apprezzati nei cosmetici di ogni genere c’è senza dubbio il collagene. Si tratta di una proteina già presente nell’organismo umano e preposta tra l’altro a dare sostegno alla pelle. Purtroppo, con l’andare del tempo o a causa di fattori esterni come un’eccessiva esposizione solare, la produzione di collagene autologo viene meno ed è necessario integrarlo dall’esterno, con l’alimentazione o i cosmetici giusti. Il collagene è noto soprattutto come ingrediente antiage e quindi adatto alle pelli mature, ma il suo uso è importantissimo anche con funzione preventiva per le pelli più giovani.

Acido Glicolico

Per rafforzare la naturale azione esfoliante delle maschere peel off, si può ricorrere all’acido glicolico, ingrediente spesso utilizzato nel peeling chimico. Esso è utile in particolare per favorire il turnover cellulare, stimolando la rigenerazione cutanea e quindi l’eliminazione graduale degli inestetismi per sostituirli con pelle nuova, più liscia e uniforme. Trattandosi di un alfaidrossiacido, come l’acido salicilico o quello mandelico, può rischiare di seccare la pelle e va quindi abbinato all’utilizzo di creme idratanti intensive.

Utilizzo

Nella maggior parte dei casi la maschera peel off si presenta con una consistenza cremosa o simile a gel per facilitarne l’applicazione sul viso. Come per le altre maschere viso, anche questa va applicata sulla cute pulita, priva di make-up o creme varie, e asciutta.

Va stesa con la punta delle dita in uno strato uniforme, che non sia troppo spesso o farebbe fatica ad asciugare, ma neanche eccessivamente sottile o rischierebbe di rompersi durante la rimozione.

La maschera peel off va lasciata asciugare per un tempo indicato sulla confezione, variabile a seconda del tipo di prodotto. Pr evitare gli inconvenienti già menzionati, consigliamo di rispettare con precisione il tempo di posa e piuttosto anticiparlo leggermente, aggiustando il tiro man mano che si entra in confidenza con il prodotto.

Per rimuoverla sarà sufficiente sollevare un lembo di maschera da un angolo del viso per poi tirarlo delicatamente finché non si sarà staccata tutta. È importante prestare particolare attenzione ad eliminare tutta la maschera dal viso senza lasciare residui a contatto con la cute.

Infine, dopo un trattamento con maschera peel off, non dimenticate mai di applicare la vostra consueta crema viso.

Il Gesto d'Amore
Più Prezioso
Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è un trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi: