Boswellia | Tutti i Benefici | Dosi, Pelle, Salute 12 Gen 2022 | In X115

Che Cos’è

La boswellia (Boswellia spp., fam. Burseraceae) è una pianta arborea resinosa, tipica delle regioni aride e montuose dell’India, dell’Africa e del Medio Oriente.

Oltre che come incenso nelle cerimonie spirituali, la tradizione ha imparato a sfruttare la boswellia per alleviare il dolore e l’infiammazione 1.

Studi moderni confermano che gli estratti di boswellia possono giovare contro alcune malattie infiammatorie che possono colpire polmoni, articolazioni, intestino, pelle e cavo orale.

A Cosa Serve

Nei secoli, la Boswellia è stata sfruttata nell’Ayurveda (sistema medico indiano) come agente antinfiammatorio, antiartritico e analgesico 2.

Nella medicina tradizionale cinese, la resina di Boswellia carterii è stata invece usata come rimedio per migliorare la circolazione sanguigna e alleviare il dolore 1.

Oggi, grazie alla moderna ricerca, sappiamo che gli acidi boswellici mostrano proprietà antinfiammatorie in una varietà di malattie associate a flogosi, tra cui 3, 4:

Inoltre, la somministrazione topica (direttamente sulla pelle) aiuta a controllare l’infiammazione cutanea in pazienti con psoriasi ed eczema, e può contrastare l’invecchiamento cutaneo.

Principi Attivi

I componenti più importanti della resina di boswellia sono triterpeni pentaciclici chiamati acidi boswellici.

I quattro principali acidi boswellici presenti nella boswellia sono 1:

KBA è il componente antinfiammatorio più potente e blocca selettivamente la biosintesi dei leucotrieni inibendo l’attività della 5-lipossigenasi 5.

Pertanto, può ridurre e prevenire l’infiammazione in molte malattie infiammatorie croniche come l’asma 6.

Oltre agli acidi boswellici, anche altri acidi triterpenici (cioè gli acidi tircuallico, lupeolico e roburico) isolati dalla resina di boswellia hanno un potenziale antinfiammatorio 7.

Le principali proprietà antinfiammatorie degli acidi boswellici sono attribuite alla soppressione della formazione di leucotrieni tramite l’inibizione della 5-lipossigenasi (5-LO) da parte di KBA e AKBA 8.

Salute della Pelle

Usi Cosmetici

Una crema contenente acidi boswellici (0,5%) – applicata sulla pelle del viso di 15 donne una volta al giorno per 30 giorni – ha portato a miglioramenti significativi del fotoinvecchiamento, della rugosità tattile e delle rughe 9.

Sono stati osservati anche miglioramenti in termini di maggiore elasticità e diminuzione della produzione di sebo. Lo studio è stato eseguito con la tecnica "split-face", applicando quindi su metà del viso la crema con acidi boswellici e sull’altra metà la stessa crema priva di questi princìpi attivi 10.

Psoriasi e Irritazioni Cutanee

L’applicazione topica di molecole antinfiammatorie è una possibile alternativa agli approcci farmacologici sistemici per il trattamento di condizioni della pelle come psoriasi, dermatiti ed eczemi.

Applicati topicamente, gli acidi boswellici aiutano a contrastare processi infiammatori locali, generando una marcata risposta lenitiva della pelle 8.

In uno studio, una crema con il 2% di estratto di Boswellia (due volte al giorno per 5 settimane) ha ridotto significativamente il rossore e l’irritazione della pelle causati dalla radioterapia. Ha anche ridotto del 60% la necessità di utilizzare una crema al cortisone, rispetto al placebo 9.

In uno studio su pazienti con psoriasi, un prodotto topico con Boswellia ha lenito la pelle e migliorato sintomi come squame (70% dei casi) ed eritema (50% dei casi), senza alcun episodio di peggioramento 10.

Inoltre, nei pazienti con irritazione cutanea (eczema eritematoso), lo stesso prodotto ha migliorato sia il prurito (60% dei casi) che l’eritema (60% dei casi), senza alcun caso di peggioramento. Lo studio ha anche testato gli effetti dell’olio di semi di mirtillo, il quale ha migliorato il prurito e l’eritema rispettivamente nel 66,7% e nel 77,8% dei pazienti.

Benefici per la Salute

Salute delle Articolazioni

In generale, sembra che gli integratori di boswellia possano sopprimere il dolore e l’immobilità associati all’artrosi in modo abbastanza significativo, con effetti che impiegano solo una settimana per manifestarsi.

Gli effetti antinfiammatori della boswellia possono aiutare anche a ridurre i sintomi dell’artrite reumatoide, ma in questo caso le evidenze scientifiche sono scarse.

Artrosi (osteoartrite)

Una revisione del 2020 ha concluso che la Boswellia e il suo estratto possono essere un’opzione di trattamento efficace e sicura per i pazienti con artrosi, aiutando a ridurre il dolore e la rigidità articolare e a migliorare la funzione dell’articolazione 11. La durata raccomandata del trattamento con Boswellia e il suo estratto è di almeno 4 settimane.

In due studi clinici su 135 pazienti con artrosi, uno specifico estratto di boswellia (5-Loxin™, a dosi di 100 mg o 250 mg al giorno per 3 mesi) ha migliorato significativamente il dolore e la funzionalità articolare. I pazienti hanno iniziato a sperimentare un miglioramento significativo dopo 7 giorni di trattamento con la dose più alta 12, 13.

In uno studio successivo, 48 partecipanti con artrosi hanno assunto 169,33 mg di un altro estratto di boswellia (Boswellin ®) due volte al giorno per 120 giorni. I risultati hanno indicato che il supplemento ha ridotto l’infiammazione, il dolore articolare e la rigidità nell’artrosi del ginocchio da lieve a moderata, senza gravi effetti collaterali 14.

Altri tipi di estratto di Boswellia sono stati in grado di ridurre il dolore e migliorare la funzione del ginocchio in tre studi su 145 pazienti con osteoartrite 15, 16, 17.

Inoltre, la boswellia può essere assunta con successo anche in associazione ad altri princìpi attivi naturali ad azione antinfiammatoria.

Ad esempio, uno studio del 2018 ha rilevato che 350 mg di curcuminoidi e 150 mg di acido boswellico assunti 3 volte al giorno per 12 settimane hanno ridotto il dolore nell’artrosi. La combinazione è risultata più efficace della curcumina da sola o di un placebo 18.

Allo stesso modo, l’assunzione di 5 g di metilsulfonilmetano e 7,2 mg di acido boswellico al giorno per 60 giorni è stata più efficace nel migliorare il dolore e la funzione articolare rispetto alla glucosamina solfato 11.

Artrite Reumatoide

In uno studio su animali, i ricercatori hanno indotto l’artrite nei ratti, quindi li hanno trattati con 180 mg/kg di estratto di boswellia.

I risultati hanno evidenziato come la boswellia aiuti a ridurre l’infiammazione, anche se in misura inferiore rispetto ai farmaci antiartritici standard 12.

Nel complesso, sono necessarie ulteriori ricerche per stabilire se la boswellia può essere di qualche beneficio nei pazienti con artrite reumatoide 3, 13, 11.

Salute dell’Intestino

Le proprietà cicatrizzanti, antiulcera e anti-diarrea della Boswellia sono state sfruttate per secoli dalla medicina tradizionale 14, 15.

Queste proprietà possono essere utili anche nel trattamento di varie condizioni infiammatorie dell’intestino.

Ad esempio, in uno studio, la Boswellia è stata efficace nel trattamento di 30 pazienti con colite cronica 16.

In un altro studio, assunta in combinazione con zenzero e achillea, la boswellia ha aiutato a ridurre il dolore e il gonfiore addominale nelle persone con sindrome dell’intestino irritabile (IBS) 17.

Un altro studio ha indicato che compresse di boswellia da 250 mg assunte ogni giorno per 6 mesi hanno migliorato i sintomi dei soggetti con IBS 18.

Uno studio ha scoperto che l’estratto di boswellia assunto quotidianamente per 4 settimane ha migliorato i sintomi nelle persone con colite ulcerosa durante la fase di remissione minimamente sintomatica 19.

In un altro studio simile, la gommoresina di Boswellia serrata (350 mg, 3 volte al giorno per 6 settimane) ha migliorato la colite ulcerosa, portando a una remissione nell’82% dei casi contro il 75% osservato con il farmaco sulfasalazina 20.

Tuttavia, un altro studio non ha mostrato alcuna superiorità della Boswellia rispetto al placebo nei pazienti con morbo di Crohn (un’altra forma di malattia infiammatoria intestinale) 21.

Asma

Nella medicina tradizionale, la boswellia è stata utilizzata per inalazioni di vapore, bagni e massaggi per curare tosse, catarro, bronchite e asma 6.

L’attività antileucotrienica e antinfiammatoria dei suoi estratti può ridurre la costrizione dei muscoli bronchiali e l’infiammazione locale associati all’asma 6.

In uno studio su 40 pazienti, la gomma resina di Boswellia serrata (300 mg 3 volte al dì per 6 settimane) ha migliorato i sintomi dell’asma bronchiale nel 70% dei pazienti, come difficoltà respiratorie, respiro sibilante e numero di attacchi 6.

In un altro studio su 40 pazienti, un estratto di Boswellia serrata (500 mg/die per 4 settimane) ha migliorato i sintomi dell’asma bronchiale, come difficoltà respiratorie, respiro sibilante e numero di attacchi asmatici 22.

Altri usi

Tra gli altri possibili benefici e impieghi della boswellia ricordiamo:

Per il tuo benessere, ti consigliamo il nostro miglior integratore: Vitamina C Suprema® con estratti naturali di sambuco nero, arancia, zenzero ed echinacea; con zinco, magnesio, potassio, selenio e una formula multivitaminica ad alta biodisponibilità.

Migliore Vitamina C Suprema

Vitamina C Suprema® | Multivitaminico per le Difese Immunitarie | Con 500 mg di Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Sostiene le difese immunitarie | Con Echinacea, Sambuco, Zinco, Selenio, Vitamina D
Contro stanchezza e affaticamento | Con Vitamine del gruppo B, Magnesio, Potassio, Zenzero, Bioflavonoidi

Dosi e Modo d’Uso

Per uso interno, è possibile assumere la boswellia sotto forma di estratti standardizzati o preparazioni erboristiche tradizionali, come il decotto di corteccia 2.

Gli estratti standardizzati in acidi boswellici (in genere al 60%) si usano a dosi di circa 300-400 mg fino a tre volte al giorno 1.

Alcuni estratti brevettati (es. 5-Loxin™, Aflapin™, AprèsFLEX™) tendono ad avere concentrazioni più elevate di AKBA e di solito si assumono una volta al giorno a dosi di 100-250 mg.

Se si utilizza la resina di Boswellia serrata, le dosi possono aumentare fino a 1.800 mg tre volte al giorno (5.400 mg al giorno), ma di solito sono comprese tra 800 e 1.200 mg tre volte al giorno per un totale di 2.400-3.600 mg/die.

In ogni caso, si consiglia di seguire le indicazioni riportate in etichetta o quelle fornite dal medico, dall’erborista o dal farmacista. Questo vale anche per le formulazioni topiche (cosmetici e creme medicate), per le quali non è possibile fornire indicazioni sul dosaggio.

L’assunzione della boswellia insieme a un pasto ricco di grassi, può migliorare il suo scarso assorbimento orale 31.

Effetti Collaterali

La boswellia è considerata sicura e ben tollerata.

I possibili effetti collaterali sono lievi e includono 20, 1:

In uno studio di tossicità orale a dose ripetuta (90 giorni), la boswellia è risultata relativamente sicura nei ratti fino alla dose di 500 – 1.000 mg/kg. Non è stato osservato alcun impatto negativo sulla salute 32, 33.

In uno studio di tossicità topica, la resina di boswellia e l’AKBA hanno mostrato una tossicità da moderata a bassa sulla pelle 34. Sono inoltre possibili reazioni allergiche nei soggetti predisposti 35.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH

-20% sui cosmetici:

• X115® ACE - Siero Viso
• X115® FACE - Crema Viso
• X115® New Generation Cream
• X115® BODY - Crema Corpo

CODICE SCONTO: black22

X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
X115® FACE | Con Peptidi liftanti di 3a Generazione
Scopri i suoi Benefici
Nuova Crema Corpo X115® BODY
Scopri i suoi Benefici
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie
Scopri Vitamina C Suprema ®
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come