Emoglobina Glicata | Cos’è? Valori Normali | Come Abbassarla 06 Giu 2022 | In X115

Che Cos’è

L’emoglobina glicata (o emoglobina glicosilata) è un esame del sangue che permette di stimare i valori medi di glicemia negli ultimi 2-3 mesi.

Il valore dell’emoglobina glicata viene solitamente riportato in termini percentuali.

A Cosa Serve

Conoscere i valori di emoglobina glicata è molto importante per le persone affette da diabete, perché all’aumentare dei suoi valori aumenta il rischio di complicanze micro- e macro-vascolari della malattia.

In altri termini, in caso di diabete, l’emoglobina glicata mostra se il trattamento farmacologico funziona e quanto bene si sta gestendo la malattia.

La misura dell’emoglobina glicata può essere utilizzata anche per la diagnosi di diabete e per valutare la probabilità che il paziente sviluppi il diabete negli anni futuri.

NOTA: Nei referti di laboratorio, l’emoglobina glicata può anche essere indicata con le sigle HbA1c, A1C, HgbA1c, HbA1c o Hb1c, o essere espressa anche in mmol/mol.

Cos’è e come si Forma

L’emoglobina è una proteina presente all’interno dei globuli rossi, deputata al trasporto dell’ossigeno nel sangue.

Il glucosio fornisce energia alle cellule e la quota che circola nel sangue è in grado di legarsi all’emoglobina (si lega in modo non enzimatico alla valina N-terminale della catena B dell’emoglobina A).

Tale legame determina un riarrangiamento irreversibile della molecola emoglobinica, trasformandola in emoglobina glicata.

Più alta è la concentrazione di glucosio nel sangue, maggiore è la quantità di emoglobina glicata.

La durata della vita di un globulo rosso varia da persona a persona, ma è in media di circa 117 giorni negli uomini e 106 giorni nelle donne. Pertanto, l’HbA1c riflette i livelli medi di glicemia nei 2-3 mesi precedenti 1.

Cosa Misura

Una volta prodotta, l’emoglobina glicata rimane legata ai globuli rossi per tutta la durata della vita degli stessi; pertanto, l’HbA1c rappresenta un indicatore della concentrazione media della glicemia nei 2-3 mesi precedenti.

In particolare 2:

Differenze rispetto alla glicemia

Svantaggi della Glicemia a Digiuno

Vantaggi dell’Emoglobina glicata

A differenza della glicemia, i valori di emoglobina glicata:

Tuttavia, alcune condizioni di salute che colpiscono i globuli rossi e l’emoglobina (ad esempio l’anemia) possono aumentare o diminuire erroneamente i livelli di HbA1c 3.

Perché si Misura

Importanza per le Persone Diabetiche

Il dosaggio dell’emoglobina glicata è un esame molto importante per le persone diabetiche, poiché valori elevati di emoglobina glicata aumentano il rischio di complicanze del diabete.

Ogni aumento dell’1% nell’HbA1c è associato a un aumento della glicemia media di circa 30 mg/dl.

Pertanto, attraverso i livelli di emoglobina glicata il medico può:

Quanto spesso misurarla

L’emoglobina glicata viene normalmente misurata ogni 2-6 mesi, in base al controllo glicemico del paziente.

Le raccomandazioni dell’American Diabetes Association consigliano di misurarla:

Nel diabete gestazionale e in casi particolari le determinazioni possono essere effettuate anche a distanza di due mesi.

Diagnosi di Diabete

Nel 2010 il Comitato di Esperti ADA/EASD/IDF ha stabilito che valori di emoglobina glicata pari o superiori al 6,5% (≥ 48 mmol/mol) possono essere utilizzati come criterio per la diagnosi di diabete, se confermati in almeno due occasioni successive

Valori Normali

NOTA: come riferimento, se l’HbA1c è costantemente superiore all’8% è opportuno che il trattamento terapeutico sia prontamente rivalutato.

Rapporto tra Valori di Emoglobina Glicata e Glicemia Media
Valore di Emoglobina Glicata (%)Corrispondente valore di Emoglobina Media (mg/dL)
597 (76-120)
6126 (100-152)
7154 (123-185)
8183 (147-217)
9212 (170-249)
10240 (193-282)
11269 (217-314)
12298 (240-347)
13326 (260-380)
14355 (290-410)
15384 (310-440)
16413 (330-480)
17441 (460-510)
18470 (380-540)
19499 (410-570)

Valori di Emoglobina Glicata e Diagnosi di Diabete

Valore di Emoglobina GlicataDiagnosi
<5,7%Normale
5,7-6,4%Prediabete*
> 6,5%Diabete

* Avere il prediabete espone il soggetto al rischio di sviluppare il diabete di tipo 2 entro 10 anni; tuttavia, in questa fase, è possibile prendere provvedimenti per prevenire o ritardare lo sviluppo del diabete.

Emoglobina Glicata Alta

Cause

Alti livelli di emoglobina glicata sono causati da un cattivo controllo glicemico negli ultimi 2-4 mesi.

I suoi valori aumentano all’aumentare della glicemia media durante tale periodo.

Per i soggetti diabetici o prediabetici, valori di emoglobina glicata in aumento potrebbero indicare la necessità di iniziare con i farmaci o modificare la terapia in atto.

Perché è Importante Abbassarla

Livelli elevati di emoglobina glicata sono indicativi di un diabete non controllato, e si associano a un aumento del rischio delle seguenti condizioni:

Come Abbassarla

Soprattutto nei soggetti con diabete di tipo 2 agli esordi, piccoli cambiamenti nello stile di vita possono fare una grande differenza, e persino mettere il diabete in remissione.

Le strategie più efficaci in tal senso sono:

Se si riceve una diagnosi di prediabete o diabete, il medico può prescrivere un monitor domestico per misurare il proprio livello di glicemia nel sangue, imparando a capire in autonomia come i pasti e le altre attività quotidiane impattano sui valori glicemici.

Il medico potrà anche fornire delle indicazioni dietetiche adeguate, ad esempio monitorare quanti carboidrati si mangiano in ogni pasto, utilizzando specifiche tabelle di riferimento.

La maggior parte delle persone ha bisogno di circa 45-60 grammi di carboidrati per i pasti principali e di circa 15-30 grammi per ogni spuntino.

Alcuni studi indicano che questi accorgimenti possono aiutare a pianificare i pasti in modo appropriato, il che può migliorare ulteriormente il controllo della glicemia 4, 5.

Dormire il necessario

Le cattive abitudini del sonno e la mancanza di riposo influenzano la glicemia e la sensibilità all’insulina. Possono inoltre aumentare l’appetito e promuovere l’aumento di peso 6, 7.

La privazione di sonno diminuisce il rilascio di ormone della crescita e aumenta i livelli di cortisolo. Entrambi questi ormoni svolgono un ruolo importante nel controllo della glicemia.

Una meta-analisi di 15 studi ha scoperto che sia la durata del sonno breve (<5 ore al giorno) che quella lunga (>9 ore) erano associate a un aumento dell’emoglobina glicata nei pazienti con diabete di tipo 2 8.

Attività Fisica

Numerosi studi dimostrano che l’esercizio fisico aiuta a ridurre l’emoglobina glicata sia nelle persone sane che in quelle che hanno il diabete.

In generale, si consiglia di impegnarsi in un esercizio da moderato a vigoroso per almeno 30 minuti per almeno 3 giorni alla settimana 9, 10, 11.

Una revisione sistematica di 47 studi su oltre 8.500 diabetici ha mostrato che l’esercizio per più di 150 minuti a settimana ha ridotto l’emoglobina glicata in modo 2,5 volte più efficiente rispetto a 150 minuti o meno di esercizio a settimana 12.

In particolare, durate di esercizio strutturato superiori a 150 minuti a settimana sono state associate a riduzioni di HbA1c di 0,89 punti, mentre durate di esercizio strutturate di 150 minuti o meno a settimana erano associate a riduzioni di HbA1C di 0,36 punti.

Controllare lo stress

Le situazioni fortemente stressanti determinano un aumento di alcuni ormoni, come glucagone e cortisolo, che fanno aumentare i livelli di glucosio nel sangue.

Uno studio ha dimostrato che l’esercizio, il rilassamento e la meditazione riducono significativamente lo stress e abbassano i livelli glicemici negli studenti 13.

Anche esercizi e metodi di rilassamento come lo yoga e la riduzione dello stress basata sulla consapevolezza possono correggere i problemi di secrezione dell’insulina nel diabete cronico 14, 15, 16, 13.

Igiene Orale

Gli studi suggeriscono che lavarsi i denti in modo corretto e regolare può aiutare a ridurre i livelli di glucosio nel sangue e di HbA1c.

Inoltre, è bene trattare eventuali problemi parodontali esistenti (come la gengivite), poiché questi possono aumentare i livelli di emoglobina glicata 17, 18, 19, 20, 21, 22.

Secondo uno studio, la terapia parodontale potrebbe ridurre significativamente il livello di emoglobina glicata nei pazienti diabetici, di circa 0,5 punti 13.

Inquinamento

L’esposizione a medio-lungo termine (3mesi/1 anno) a livelli più elevati di inquinamento atmosferico è stata associata ad aumenti dell’emoglobina glicata 23, 24, 25, 26.

In uno studio, l’inquinamento atmosferico è risultato associato a livelli di HbA1c più elevati in 9.100 pazienti con diabete di tipo 2 di nuova diagnosi 27.

Cosa mangiare

Aumentare l’apporto di fibra solubile

Ci sono due tipi di fibra: insolubile e solubile. Sebbene entrambi siano importanti, la fibra solubile ha dimostrato di abbassare la glicemia 28, 29, 30.

Ricche fonti di fibra solubile sono rappresentate da avena, semi di psillio, pectina (che abbonda nella buccia delle mele), alginati e carragenine (entrambi presenti nelle alghe).

Dieta Mediterranea e Paleodieta

La dieta mediterranea è un modello alimentare povero di calorie, che include molti componenti salutari, come frutta, verdura, noci, legumi, cereali integrali, pesce e olio di oliva come condimento.

In uno studio su 27 diabetici, rispetto alla dieta abituale, una dieta mediterranea tradizionale cretese ha abbassato l’emoglobina glicata dal 7,1% al 6,8% 31.

Diversi studi iniziali suggeriscono che una dieta paleo, composta da carne magra, frutta, verdura e frutta secca oleosa, può aiutare a migliorare i livelli di glicemia e HbA1c 32, 33, 34.

Una meta-analisi di 8 studi ha tuttavia rilevato che la dieta mediterranea ha ridotto significativamente l’HbA1c rispetto alla dieta abituale, ma anche rispetto alla paleodieta 35.

Bere molta acqua e mantenersi idratati

Uno studio osservazionale ha dimostrato che coloro che hanno bevuto più acqua avevano un rischio più basso di sviluppare iperglicemia 36.

Bere acqua mantiene correttamente idratato il sangue e l’intero organismo, abbassa i livelli glicemici e riduce il rischio di diabete 37, 38, 39, 40.

Da evitare invece le bevande zuccherate, in quanto aumentano la glicemia, favoriscono l’aumento di peso e aumentano il rischio di diabete 41, 42.

Aceto di mele

Si ritiene che l’aceto promuova bassi livelli glicemici a digiuno, possibilmente diminuendo la produzione di glucosio da parte del fegato o aumentandone l’uso da parte delle cellule 43, 44.

Inoltre, gli studi dimostrano che l’aceto influenza in modo significativo la risposta del corpo agli zuccheri e migliora la sensibilità all’insulina 45, 46, 47, 48, 49.

Cioccolato Fondente

Tra i pazienti con diabete di tipo 1, coloro che mangiavano cioccolato fondente (25 g/giorno per 5 volte/settimana) avevano un’emoglobina glicata significativamente inferiore rispetto ai soggetti che mangiavano la stessa quantità di cioccolato al latte o nessun tipo di cioccolato 50.

In un altro studio su 7.802 persone, coloro che mangiavano fino a 2-6 porzioni (da 28,5 g) di cioccolato fondente a settimana avevano un rischio inferiore del 34% di ricevere una diagnosi di diabete 51.

Ridurre il peso corporeo, se in eccesso

Anche una "semplice" riduzione del 7% del peso corporeo in eccesso può ridurre il rischio di sviluppare il diabete fino al 58% e sembra funzionare anche meglio dei farmaci 52.

Preferire il consumo di frutti immaturi e con la buccia

L’indice glicemico della frutta aumenta in maniera significativa con la maturazione, mentre la buccia ne diminuisce l’indice glicemico grazie all’alto contenuto di fibre.

Un ampio studio del 2013 ha rilevato che le persone che consumavano frutta intera, in particolare mirtilli, uva e mele, avevano rischi significativamente più bassi di sviluppare il diabete di tipo 2 53.

Lo studio ha anche evidenziato come l’elevato consumo di succhi di frutta sia associato a un aumentato rischio di diabete.

Avena

Nonostante l’indice glicemico elevato e l’alto carico glicemico, l’avena è una ricca fonte di fibre solubili.

Una revisione sistematica, analizzando i dati di 14 studi controllati e di 2 studi osservazionali non controllati, ha concluso che il consumo di avena in pazienti diabetici di tipo 2 riduce significativamente i valori di glicemia a digiuno (riduzione media -7mg/dl) 54.

Legumi e Frutta secca oleosa

Uno studio del 2012 ha rilevato che l’incorporazione di legumi nella dieta ha migliorato il controllo glicemico e ridotto il rischio di malattia coronarica nelle persone con diabete di tipo 2 55.

Una revisione sistematica del 2014 ha concluso che mangiare frutta a guscio potrebbe aiutare le persone con diabete 56.

Yogurt e Aglio

Gli autori di una meta-analisi del 2014 hanno concluso che lo yogurt può essere l’unico prodotto caseario che riduce il rischio di sviluppare il diabete. Hanno anche notato che altri prodotti lattiero-caseari non sembrano aumentare il rischio di una persona 57.

In uno studio del 2013, 60 persone con diabete di tipo 2 e obesità hanno assunto metformina da sola o una combinazione di metformina e aglio 2 volte al giorno dopo i pasti per 12 settimane. Le persone che hanno assunto metformina e aglio hanno avuto una riduzione più significativa dei loro livelli glicemici a digiuno e post-prandiali 58.

Integratori e rimedi naturali

Alcune sostanze naturali, perlopiù disponibili come integratori alimentari, possono aiutare nel controllo della glicemia migliorando i valori di emoglobina glicata; tra queste si ricordano:

L’utilizzo di questi integratori alimentari deve avvenire su specifico suggerimento e controllo specialistico, quindi soltanto nei casi in cui il medico lo ritenga necessario.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH

-20% sui cosmetici:

• X115® ACE - Siero Viso
• X115® FACE - Crema Viso
• X115® New Generation Cream
• X115® BODY - Crema Corpo

CODICE SCONTO: black22

X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
X115® FACE | Con Peptidi liftanti di 3a Generazione
Scopri i suoi Benefici
Nuova Crema Corpo X115® BODY
Scopri i suoi Benefici
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie
Scopri Vitamina C Suprema ®
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come