Migliorare la Guarigione delle Ferite | Cosa Mangiare, Integratori 19 Feb 2022 | In X115

Nelle persone sane, le piccole ferite (come tagli, graffi e abrasioni) tendono a guarire rapidamente senza necessità di accorgimenti particolari (oltre a quello di mantenerle pulite e protette dalle infezioni).

Altre ferite sono invece più gravi e richiedono un intervento medico. In questi casi, la dieta – eventualmente supportata da specifici integratori – è molto importante per accelerare la guarigione.

Esempi di ferite gravi includono:

In tutti questi casi, scelte alimentari sane aiutano il recupero, fornendo le calorie, le vitamine, i minerali e le proteine necessari per promuovere la guarigione.

Quando una persona ha una ferita importante ha bisogno di più proteine, acqua, calorie e sostanze nutritive per sostenere la guarigione.

Nutrienti, Cibi e Integratori Utili

Attenzione alla Malnutrizione

Sfortunatamente, la malnutrizione è molto diffusa nei pazienti geriatrici, soprattutto nelle case di cura e di riposo.

Le carenze di micronutrienti più comuni tra gli anziani includono vitamina D, zinco e vitamina B12 (cobalamina).

Tali carenze possono avere un impatto significativo sulla guarigione delle ferite. Infatti, secondo gli studi, la cattiva alimentazione è il più forte predittore della formazione di ulcere da pressione insieme alla mobilità limitata 1.

Alcuni Autori hanno indicato che il rischio per un paziente anziano di sviluppare un’ulcera da decubito è da due a tre volte maggiore quando il paziente è malnutrito o sottopeso 2.

In un altro studio, solo 3 su 23 pazienti che presentavano ulcere da pressione erano ben nutriti, mentre 20 erano a rischio di malnutrizione o malnutriti 3.

Altri Autori hanno scoperto che il numero di pazienti malnutriti era doppio nel gruppo con ulcere da pressione rispetto al gruppo di controllo di pari età 4.

Consigli generali per prevenire la malnutrizione

Le strategie per aiutare un anziano a mantenere una dieta sana e prevenire la malnutrizione andrebbero discusse con un medico e un nutrizionista.

In generale, potrebbero essere raccomandati:

Calorie

La guarigione delle ferite implica l’attività di un’intricata rete di cellule del sangue, tipi di tessuto, citochine e fattori di crescita. Ciò si traduce in un aumento dell’attività cellulare, che provoca un’intensificata richiesta metabolica di energia e nutrienti 5.

Inoltre, assumere energia a sufficienza evita che il corpo utilizzi le preziose proteine per produrre energia durante i periodi di stress o malattia.

Raccomandazione

L’European Pressure Ulcer Advisory Panel (EPUAP) ha raccomandato un apporto calorico minimo di 30-35 kcal/kg di peso corporeo per i pazienti con ulcere da pressione. Quindi, per un adulto di 70kg, si tratta di assumere almeno 2.100/2.450 kcal al giorno.

Per i pazienti sottopeso o che perdono peso, il National Pressure Ulcer Advisory Panel (NPUAP) raccomanda di aumentare l’apporto calorico a 35-40 kcal/kg di peso corporeo 6.

Consigli

Per assicurare un adeguato apporto calorico, è bene consumare spuntini o fare pasti più piccoli e frequenti con ricette poco elaborate (per evitare di sentirsi troppo pieni a causa delle lungaggini digestive).

La distribuzione delle calorie dei macronutrienti dovrebbe essere simile alla distribuzione alimentare adottata nei regimi dietetici tradizionali (45-60% di carboidrati, 25-30% di grassi e 15-20% di proteine).

Tuttavia, potrebbe essere necessaria una quantità maggiore di proteine per supportare il flusso di aminoacidi necessario per la sintesi del collagene e la guarigione delle ferite.

È decisamente preferibile scegliere alimenti naturalmente ricchi di energia e poco trasformati, evitando le alternative industriali ricche di zuccheri o grassi aggiunti. Ad esempio, preferire frutta secca oleosa, formaggi, oli vegetali e cereali integrali.

Proteine

Le proteine sono necessarie per riparare i tessuti.

Un’adeguata assunzione di proteine aiuta l’organismo a mantenere un bilancio azotato positivo, sostenendo una più rapida guarigione delle ferite.

Specialmente negli anziani, occorre molta attenzione nel garantire un apporto proteico adeguato anche in assenza di ferite (ad esempio per prevenire o contrastare la sarcopenia).

Raccomandazioni

Secondo le più recenti evidenze, mentre l’apporto proteico dell’adulto sedentario potrebbe attestarsi anche solo a 0,8 – 1 g/kg di peso corporeo, nell’anziano sarebbe opportuno incrementare l’apporto proteico fino a 1,3 g/kg di peso corporeo 7, 8. Questo significa che un anziano normopeso di 70 kg dovrebbe assumere circa 90 grammi di proteine al giorno.

Il fabbisogno proteico aumenta sensibilmente nei pazienti sottoposti a stress metabolico o in ripresa da procedure chirurgiche, variando da 1,0 a 2,0 g/kg di peso corporeo a seconda della diagnosi 9.

Secondo Chernoff, gli anziani hanno un aumentato fabbisogno di proteine esogene, di almeno 1,0 g/kg di peso corporeo, per il normale mantenimento. Inoltre, un’assunzione inadeguata di proteine in età anziana contribuisce a un aumento della fragilità cutanea, a una ridotta funzione immunitaria e a una guarigione e un recupero più lenti dopo la malattia 10.

Buone fonti

Buone fonti di proteine magre includono:

Acqua

Il corpo ha bisogno di acqua per trasportare i nutrienti e liberarsi dei prodotti di rifiuto, che aumentano in presenza di ferite e quando si mangiano più proteine.

Il "classico" consiglio è di bere almeno 2 litri di acqua al giorno. Alcuni pazienti con ferite estese potrebbero tuttavia aver bisogno di apporti proteici sensibilmente maggiori.

Buone fonti

Vitamina C

La vitamina C, nota anche come acido ascorbico, è necessaria per la sintesi di collagene. È anche un antiossidante altamente efficace, che protegge le cellule dai danni dei radicali liberi e risulta importantissima per la corretta funzione immunitaria.

Raccomandazioni

Gli studi hanno dimostrato che la vitamina C può aiutare ad accelerare il processo di guarigione delle ferite.

Secondo Tanaka e Molnar, sebbene i dati sull’integrazione di vitamina C sulla guarigione delle ferite croniche siano inconcludenti, l’influenza dell’acido ascorbico sulla formazione del collagene, sulla capacità antiossidante e sull’immunomodulazione suggerisce che gli individui con piccole ferite o ulcere da pressione considerino l’integrazione con 500-1.000 mg di acido ascorbico al giorno 11.

Il nostro integratore Vitamina C Suprema® contiene 500 mg di vitamina C per bustina, insieme ad estratti e nutrienti utili per il sostegno immunitario e coinvolti nella normale guarigione delle ferite, tra cui zinco, echinacea, sambuco nero e tutte le vitamine del gruppo B.

Migliore Vitamina C Suprema

Vitamina C Suprema® | Multivitaminico per le Difese Immunitarie | Con 500 mg di Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Sostiene le naturali difese dell’organismo | Con Echinacea, Sambuco, Zinco, Selenio, Vitamina D
Contro stanchezza e affaticamento | Con Vitamine del gruppo B, Magnesio, Potassio, Zenzero, Bioflavonoidi

Buone fonti

Vitamina A

La vitamina A è necessaria per la formazione epiteliale e ossea, la differenziazione cellulare e la funzione immunitaria 5.

È stato scoperto che la vitamina A stimola la crescita epiteliale, i fibroblasti e la sintesi di sostanza fondamentale, oltre ad avere un effetto antinfiammatorio nelle ferite aperte.

La letteratura supporta un effetto positivo della vitamina A supplementare nelle ferite acute e nella guarigione di fratture, ustioni, intestino e lesioni indotte da radiazioni 12.

L’effetto della vitamina A può essere utile anche nei pazienti con ferite croniche in trattamento con corticosteroidi. I ricercatori hanno infatti notato che l’integrazione di vitamina A può contrastare gli effetti negativi dei glucocorticoidi sulla guarigione delle ferite 13.

Raccomandazione

Stechmiller suggerisce una somministrazione orale di 10.000-15.000 UI/giorno di vitamina A per migliorare la guarigione delle ferite nei pazienti trattati con corticosteroidi 14.

Per essere sicuro, il trattamento dev’essere effettuato con un breve ciclo di 10-14 giorni; inoltre, occorre cautela in gravidanza e nei pazienti con malattie epatiche, malattie renali o alcolismo 15.

Buone fonti

Buone fonti di vitamina A includono zucca, uova, cavoli, carote e patate dolci. Leggi il nostro articolo sugli alimenti più ricchi di Vitamina A »

Zinco

Lo zinco è importante per produrre collagene, che a sua volta rappresenta una proteina fondamentale per la guarigione delle ferite.

Un basso apporto di zinco con il processo di invecchiamento è stato notato sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo 15. Pertanto, gli anziani sono tra gli individui con maggiori probabilità di essere colpiti da una carenza di zinco.

A causa del coinvolgimento dello zinco in funzioni critiche all’interno del sistema immunitario, la sua carenza può portare a un’immunità depressa e a una maggiore suscettibilità alle infezioni 16, 17.

Raccomandazione

Molti degli studi di ricerca sull’integrazione di zinco per aiutare la guarigione delle ferite lo hanno impiegato come componente di un integratore multivitaminico e multinutriente.

Alcuni di questi integratori contenevano arginina, glutammina, acido ascorbico, proteine e altri micronutrienti, oltre allo zinco, e hanno avuto un impatto variabile sulla guarigione delle ferite 18, 2, 19, 20, 21. Questo rende difficile determinare il contributo nutritivo individuale dello zinco agli esiti degli studi.

Per la carenza clinica di zinco si possono assumere da 40 a 50 milligrammi di zinco elementare al giorno per un massimo di 30 giorni. In assenza di carenza, può essere presa in considerazione l’assunzione di dosi da 10-15 mg al giorno.

Alte dosi di zinco assunte a lungo termine inibiscono l’assorbimento del rame, contribuendo all’anemia, alla compromissione del sistema immunitario e alla scarsa guarigione delle ferite.

Buone fonti:

Altri Integratori Utili

Bromelina

La bromelina è una miscela di enzimi antinfiammatori che si trova nel gambo dell’ananas. Con la sua azione antiedemigena, è utile per ridurre il gonfiore muscolare e tissutale soprattutto a seguito di lesioni o interventi chirurgici.

L’assunzione di integratori di bromelina aiuta quindi a ridurre edema, lividi, dolore, e ad abbreviare il tempo di guarigione a seguito di traumi e procedure chirurgiche.

In 5 studi clinici su oltre 350 persone con ustioni profonde, il trattamento enzimatico con bromelina ha guarito le ferite con un’efficacia simile ai trattamenti convenzionali e ha ridotto la necessità di un intervento chirurgico 22, 23, 24, 25, 26.

Collagene idrolizzato

L’integrazione di collagene aiuta ad aumentare il livello di collagene del corpo, sostenendo e stimolando la produzione di collagene nel sito della ferita.

Uno studio suggerisce che l’integrazione di collagene idrolizzato potrebbe migliorare significativamente la guarigione delle ferite e ridurre la degenza ospedaliera del 20-30% nei pazienti con ustione 27.

Un altro studio su 120 soggetti con piaghe da decubito in stadio II o III ha osservato benefici simili utilizzando un integratore di collagene idrolizzato ad alto contenuto di peptidi prolina – idrossiprolina e idrossiprolina – glicina 28.

Il nostro integratore X115®+PLUS2 è una ricca fonte di collagene idrolizzato, supportato dall’azione della vitamina C, dell’acido ialuronico, dello zinco e degli estratti di centella asiatica. Grazie a questi princìpi attivi, X115®+PLUS2 sostiene la bellezza della pelle e il benessere delle articolazioni, aiutando anche a supportare la normale guarigione delle ferite.

Integratore Collagene Antirughe

X115®+PLUS2 – Integratore Antiage | Doppia Formula Day & Night | Con Collagene (5g), Acido Ialuronico ed Estratti Vegetali Antiossidanti | Utile per supportare la Naturale Attività dei Fibroblasti nella Sintesi di Collagene ed Elastina

Centella asiatica

La centella asiatica ha il potenziale di migliorare l’integrità del tessuto connettivo, di elevare le difese antiossidanti e di favorire la sintesi di collagene. Può quindi trovare spazio nei prodotti orali e topici per favorire la cicatrizzazione delle ferite 29, 30.

In uno studio su pazienti diabetici, l’assunzione 3 volte al giorno di un integratore che conteneva 100 mg di un estratto di centella asiatica, ha ridotto la contrazione della ferita e prodotto una minore formazione di tessuto di granulazione rispetto al gruppo placebo 31.

Gli Autori concludono che l’estratto di centella asiatica può favorire la guarigione delle ferite diabetiche e può essere prescritto ai pazienti diabetici in modo sicuro.

Glucosamina

La glucosamina sembra essere il substrato limitante per la produzione di acido ialuronico nella ferita 32.

A causa di questa capacità di sostenere la sintesi di acido ialuronico, la glucosamina ha dimostrato di accelerare la guarigione delle ferite, migliorare l’idratazione della pelle e ridurre le rughe 33.

Arginina e glutammina

Gli amminoacidi arginina e glutammina possono influenzare la riparazione della ferita e la funzione immunitaria.

A causa della capacità del corpo di produrre arginina, normalmente non si tratta di un aminoacido essenziale. Tuttavia, in situazioni come sepsi, traumi e ferite, i bisogni del corpo aumentano, richiedendo un apporto di arginina con la dieta o l’integrazione.

La glutammina è l’aminoacido libero più abbondante nel corpo umano; tuttavia, similmente all’arginina, il suo apporto dietetico diventa essenziale solo nei periodi di stress metabolico.

L’arginina aiuta a promuovere la sintesi di proteine, migliora la crescita cellulare, innesca la produzione di collagene, rafforza la funzione immunitaria e favorisce il flusso sanguigno.

In uno studio su soggetti non malnutriti con ulcere da pressione in stadio III o IV, l’integrazione di proteine, arginina e micronutrienti ha prodotto un miglioramento significativo della guarigione 2.

Yatabe et al. hanno scoperto che l’arginina sierica si riduce nei pazienti con ulcere da pressione e che l’integrazione con questo amminoacido migliora la guarigione della ferita 34.

La glutammina promuove la produzione di collagene e supporta un sistema immunitario sano. Insieme, queste attività, aiutano a sostenere la riparazione della ferita.

Ci sono prove scientifiche che in situazioni di trauma, ustioni e sepsi l’integrazione di glutammina migliora la funzione intestinale, diminuisce le complicanze settiche e migliora la sensibilità all’insulina 35, 36.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH

-20% sui cosmetici:

• X115® ACE - Siero Viso
• X115® FACE - Crema Viso
• X115® New Generation Cream
• X115® BODY - Crema Corpo

CODICE SCONTO: black22

X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
X115® FACE | Con Peptidi liftanti di 3a Generazione
Scopri i suoi Benefici
Nuova Crema Corpo X115® BODY
Scopri i suoi Benefici
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie
Scopri Vitamina C Suprema ®
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come