Carenza Acido Folico | Cause, Sintomi, Gravidanza 28 Dic 2020 | In X115

Che Cos’è

L’acido folico è una vitamina idrosolubile essenziale, conosciuta anche come vitamina B9.

La carenza di acido folico (o più correttamente di folati*) è piuttosto comune, soprattutto in alcune fasce di popolazione.

Risultano particolarmente a rischio gli anziani, gli alcolisti, le donne in gravidanza e le persone con una dieta povera di vegetali freschi 1.

In uno studio pubblicato a inizio 2020 su 397 donne gravide del Sud Italia, quasi il 65% aveva un’assunzione inadeguata di acido folico (<600μg/die di DFE°) 2.

L’acido folico ricopre un ruolo fondamentale nel metabolismo cellulare e nella produzione di energia. Partecipa inoltre alla sintesi degli acidi nucleici e alla divisione cellulare.

Questi processi metabolici vitali vengono compromessi dalla carenza di acido folico, portando a una serie di esiti negativi per la salute.

La carenza di vitamina B9 è responsabile di una forma di anemia chiamata anemia megaloblastica. Può manifestarsi con stanchezza fisica e mentale, pallore, fiato corto e mal di testa.

Un apporto insufficiente di folati con la dieta è stato anche associato a un aumento del rischio di malattie cardiache, alcuni tipi di cancro, alterata funzione immunitaria e depressione 3, 4.

Inoltre, se la carenza interessa la madre durante la gravidanza, il neonato ha una maggiore probabilità di nascere con anomalie, tra cui spina bifida, labbro leporino e anencefalia 5.

La maggior parte dei Paesi europei, Italia inclusa, raccomanda l’integrazione di acido folico prima del concepimento e fino ai primi 3 mesi di gravidanza 6

*Nota: Acido Folico o Folati?

Sebbene di uso generale nel linguaggio comune, il termine acido folico andrebbe riservato a una particolare forma di vitamina B9 sintetica, utilizzata negli integratori e nei cibi fortificati.

Negli alimenti, invece, sono presenti altre forme chimiche di vitamina B9, collettivamente note come folati. Pertanto, sarebbe più corretto parlare di carenza di folati.

Folati e acido folico sono diverse forme della vitamina B9: i folati sono la forma naturale negli alimenti, mentre l’acido folico è una forma sintetica.

Acido Folico negli Alimenti

I folati sono naturalmente presenti in molti cibi, specialmente:

Per maggiori informazioni, leggi il nostro approfondimento sugli alimenti ricchi di acido folico »

Il riscaldamento dei prodotti vegetali durante la cottura può distruggere buona parte dell’acido folico; in tal senso, l’ebollizione risulta più aggressiva rispetto alla cottura al vapore.

Le perdite di vitamina B9 sono maggiori (fino al 75-95%) con la conservazione e la cottura di alimenti molto frammentati o di piccole dimensioni (come gli spinaci sminuzzati e i piselli) 7.

Il contenuto di acido folico degli alimenti animali sembra invece più resistente al calore 8, 9.

Molti Paesi, inclusi gli Stati Uniti, richiedono che i prodotti a base di cereali siano obbligatoriamente fortificati (arricchiti artificialmente) con acido folico, in modo da ridurre l’incidenza della carenza di folati. Tuttavia, in Italia non sussiste tale obbligo.

Cause

La carenza di folati può verificarsi per molte ragioni, tra cui:

In merito a quest’ultimo punto, recentemente sono stati scoperti polimorfismi comuni in diversi geni associati al metabolismo dei folati, che possono svolgere un ruolo nelle malattie associate alla carenza di acido folico.

La carenza di acido folico può avere numerose cause, tra cui 6:

Gli individui con un basso stato socioeconomico e la popolazione anziana istituzionalizzata sono esposti a un maggiore rischio di carenza di acido folico, a causa dell’assunzione inadeguata di verdure a foglia verde, malnutrizione e cambiamenti dello stato mentale 10.

Per questo motivo, la carenza di folati isolata è rara. Spesso coesiste invece con altre carenze di nutrienti, proprio a causa della forte associazione con cattiva alimentazione, alcolismo e disturbi da malassorbimento.

In uno studio, le concentrazioni di folato nel sangue sono risultate inferiori di circa il 15% nei fumatori rispetto ai non fumatori 11.

A differenza della vitamina B12, l’acido folico è scarsamente immagazzinato nell’organismo.

Pertanto, la carenza può svilupparsi entro poche settimane o mesi nelle persone con diete carenti di folati.

Il corpo contiene 1.000-20.000 mcg di depositi di folati e gli adulti hanno bisogno di circa 400 mcg/die di folati per reintegrare le perdite giornaliere. La carenza di folato può richiedere 8-16 settimane per diventare evidente, considerando anche che i globuli rossi normali hanno una vita di circa quattro mesi.

Sintomi

I più comuni sintomi della carenza di acido folico sono correlati all’anemia megaloblastica.

La progressione di una tale anemia porta a una diminuzione della capacità di trasporto dell’ossigeno nel sangue e può alla fine provocare sintomi di affaticamento, debolezza e mancanza di respiro

Pertanto, i sintomi della carenza di acido folico comprendono 12:

La carenza di acido folico può anche produrre 13, 14, 6:

Complicanze

La carenza di folati porta alla compromissione della divisione cellulare, all’accumulo di metaboliti tossici e al rallentamento delle reazioni di metilazione (necessarie per la regolazione dell’espressione genica) 6.

Le conseguenze includono iperomocisteinemia, anemia megaloblastica e disturbi dell’umore.

La carenza di acido folico in gravidanza è anche implicata nei difetti del tubo neurale 15.

Anemia megaloblastica

La carenza di acido folico si presenta con una forma particolare di anemia, chiamata anemia megaloblastica.

Questa forma anemica si manifesta con:

La carenza di acido folico è spesso associata a pancitopenia, cioè a bassi livelli di tutte le cellule presenti nel sangue (eritrociti, globuli bianchi e piastrine).

Aumentato Rischio Cardiovascolare

L’acido folico è necessario per un adeguato metabolismo dell’omocisteina, il cui aumento nel sangue rappresenta un comprovato fattore di rischio per le malattie cardiache.

La carenza di acido folico aumenta quindi i livelli di omocisteina e il rischio cardiovascolare.

Sebbene l’integrazione di vitamine B6, B9 e B12 sia efficace nel ridurre l’omocisteina, tale effetto non sembra tradursi in un calo del rischio di malattie cardiache.

Infatti, la maggior parte delle revisioni sull’integrazione di vitamine del gruppo B indica un’assenza di causalità tra la riduzione dei livelli di omocisteina e la prevenzione di eventi cardiovascolari 16, 17, 18, 19.

L’acido folico potrebbe comunque avere altri benefici per la salute del cuore, indipendenti dalla capacità di controllare i livelli di omocisteina.

Una revisione che includeva 30 studi e oltre 80.000 persone ha dimostrato che l’integrazione con acido folico ha portato a una riduzione del 4% del rischio complessivo di malattie cardiache e del 10% del rischio di ictus 20.

Inoltre, gli integratori di acido folico possono:

Sebbene non tutti gli studi siano riusciti a dimostrare una protezione cardiovascolare attraverso l’integrazione di acido folico, la carenza di folati rappresenta un noto fattore di rischio per le malattie cardiovascolari 23.

Difetti del Tubo Neurale

L’acido folico è necessario per la divisione cellulare e la crescita dei tessuti.

La gravidanza è un periodo in cui il fabbisogno di folati aumenta notevolmente, per sostenere la rapida replicazione cellulare e la crescita dei tessuti fetali, placentari e materni.

Questo è il motivo per cui avere livelli ottimali di folati è importante sia prima che durante la gravidanza, soprattutto nelle prime settimane (quando molte donne ignorano di essere incinte, da cui l’importanza di integrare già prima della gravidanza).

Le donne con un’assunzione insufficiente di folati corrono un rischio maggiore di dare alla luce bambini con difetti del tubo neurale.

I difetti del tubo neurale includono varie malformazioni, come lesioni del cervello (p. es. anencefalia, encefalocele) e lesioni della colonna vertebrale (spina bifida), che sono devastanti e pericolose per la vita 25.

Inoltre, una carenza di folati è stata associata a basso peso alla nascita, parto pretermine e ritardo della crescita fetale 24.

È stato dimostrato che sia i programmi di fortificazione alimentare che l’integrazione di acido folico prima e durante la gravidanza riducono significativamente il rischio di difetti del tubo neurale, tra cui spina bifida e anencefalia 26.

Molti studi clinici dimostrano che quando le donne assumono acido folico prima del concepimento, il rischio di difetti del tubo neurale è significativamente ridotto (fino al 50-60%) 27, 28.

La vitamina B9 è importante anche per la salute materna e l’integrazione con acido folico ha dimostrato di ridurre il rischio di complicanze legate alla gravidanza, inclusa la preeclampsia.

Inoltre, livelli elevati di folato materno sono stati associati a un rischio significativamente ridotto di parto pretermine 29, 30.

Assunzione consigliata in gravidanza

Secondo le linee guida americane, le donne in età fertile che possono rimanere incinte dovrebbero assumere 400 mcg al giorno di acido folico°, che salgono a 600 mcg durante la gravidanza°.

Un’alimentazione di tipo mediterraneo ricca di cereali integrali, legumi, frutta e verdura riesce a coprire il fabbisogno giornaliero in folati, come mostra la sottostante immagine tratta dal sito dell’Istituto Superiore di Sanità.

Assunzione Acido Folico

Tuttavia, il livello di assunzione in gravidanza può essere difficile da raggiungere attraverso la sola dieta.

Pertanto, in genere viene raccomandata l’assunzione di un integratore di acido folico a tutte le donne e ragazze adolescenti che potrebbero rimanere incinte.

Alle donne con una gravidanza precedentemente interessata da difetti del tubo neurale è stato consigliato di assumere 4.000 μg (4 mg) di acido folico al giorno per ridurre le recidive 31.

Il medico saprà consigliare la dose di acido folico più adatta al proprio caso.

° Si consideri che le dosi di assunzione consigliate sono generalmente riferite ai cosiddetti DFE (Equivalenti di Folati Dietetici), che sono definiti dalle seguenti equivalenze 32:

Le quantità medie di assunzione giornaliera raccomandate negli Stati uniti come DFE sono riportate nella seguente tabella 31.

EtàMaschiFemmine
Nascita fino a 6 mesi *65 mcg *65 mcg *
7-12 mesi *80 mcg *80 mcg *
1-3 anni150 mcg150 mcg
4-8 anni200 mcg200 mcg
9-13 anni300 mcg300 mcg
14-18 anni400 mcg400 mcg
19+ anni400 mcg400 mcg
Gravidanza600 mcg
Allattamento500 mcg

* AI: livello di assunzione adeguato

Depressione e Sintomi Neuropsichiatrici

La carenza di acido folico è associata a manifestazioni neuropsichiatriche, tra cui depressione, irritabilità, insonnia, declino cognitivo, affaticamento e psicosi.

Ad esempio, le persone con depressione hanno dimostrato di avere livelli ematici di folati inferiori alla media 34.

Bassi livelli di folati nel sangue possono essere correlati anche a sintomi di declino cognitivo nelle popolazioni anziane, epilettiche e psichiatriche 35, 36.

Benefici dell’Integrazione

Uno studio del 2019 su 180 adulti con decadimento cognitivo lieve ha dimostrato che l’integrazione con 400 mcg di acido folico al giorno per 2 anni ha migliorato significativamente le misure della funzione cerebrale, compreso il quoziente intellettivo verbale 37.

Ha inoltre ridotto i livelli ematici di alcune proteine coinvolte nello sviluppo e nella progressione della malattia di Alzheimer.

Un altro studio su 121 persone con malattia di Alzheimer di recente diagnosi e in trattamento con donepezil ha osservato che l’assunzione congiunta di 1.250 mcg di acido folico al giorno per 6 mesi ha migliorato la cognizione e ridotto i marcatori di infiammazione, rispetto al solo uso del farmaco donepezil 38.

Una revisione sistematica ha dimostrato che, se usata insieme a farmaci antidepressivi, l’integrazione di acido folico è associata a riduzioni maggiori dei sintomi depressivi (rispetto al solo trattamento farmacologico) 39.

Inoltre, una revisione di 7 studi ha rilevato che il trattamento con integratori a base di folato insieme a farmaci antipsicotici ha portato a una riduzione maggiore dei sintomi nelle persone con schizofrenia (rispetto al solo trattamento farmacologico) 40.

Cancro

La carenza di acido folico è stata collegata a un aumentato rischio di cancro.

Al contrario, una dieta ricca di folati ha dimostrato di proteggere da una varietà di tumori (come tumori del seno, del pancreas, del colon, del polmone e dell’esofago) in una serie di studi osservazionali 41, 42, 43, 44, 45, 46.

Tuttavia, gli studi di intervento con alte dosi di acido folico non hanno generalmente mostrato alcun beneficio o effetto favorente dell’integrazione sull’incidenza del cancro 47, 48.

Le maggiori prove riguardano il legame tra bassa assunzione di acido folico e cancro al colon, soprattutto nell’uomo 49, 50.

La relazione tra lo stato dei folati e il rischio di cancro è tuttavia complessa e richiede ulteriori ricerche. Inoltre, alcuni ricercatori rimangono preoccupati che un’assunzione eccessivamente elevata di acido folico possa aumentare la crescita di neoplasie preesistenti 51.

Diagnosi

I test di laboratorio iniziali dovrebbero includere un esame emocromocitometrico completo, uno striscio periferico e il dosaggio dei folati ematici.

In generale, livelli di folati nel sangue inferiori a 2 ng/ml sono considerati carenti, mentre livelli compresi tra 2 e 4 ng/ml sono considerati insufficienti o border-line.

Lo striscio di sangue mostra tipicamente macrocitosi (cellule ingrossate, soprattutto i globuli rossi) e neutrofili ipersegmentati.

I pazienti valutati per la carenza di acido folico dovrebbero essere valutati anche per la carenza di vitamina B12, poiché entrambe causano anemia megaloblastica.

L’anemia megaloblastica da carenza di folati è identica a quella da carenza di vitamina B12. Pertanto, sono necessari ulteriori test clinici per scoprirne la vera causa.

In particolare, è opportuno dosare i livelli di MMA (acido metilmalonico), che si presentano normali nella carenza isolata di acido folico e aumentati in caso di concomitante carenza di vitamina B12.

Trattamento

La carenza di acido folico può essere agevolmente colmata attraverso l’integrazione alimentare.

In genere, l’acido folico orale (da 1 a 5 mg al giorno) è sufficiente per trattare la carenza di folati 52.

Le formulazioni di acido folico per via endovenosa, sottocutanea o intramuscolare possono essere utilizzate quando i pazienti non possono tollerare i farmaci orali.

L’impiego dell’acido folinico è riservato a particolari categorie di pazienti (come quelli dializzati o in terapia con methotrexate).

Nei pazienti che hanno una carenza concomitante di vitamina B12, è imperativo integrare anche questa vitamina.

Se non trattata, la carenza di vitamina B12 può progredire e causare danni neurologici permanenti.

Oltre all’integrazione di acido folico, tutti i pazienti con una carenza di folati dovrebbero essere incoraggiati a seguire una dieta ricca di frutta e verdura.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Scopri il Nuovo Siero X115®ACE
Provalo Gratis - Vitamine Pure | A | C | E
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come