Avitaminosi | Carenze di Vitamine Comuni | Sintomi, Cause 11 Ott 2021 | In X115

Generalità

Avitaminosi è un termine medico che descrive un quadro morboso determinato dalla carenza di una o più vitamine.

Le vitamine sono piccoli composti organici che l’organismo ricava dalla dieta.

Nonostante le esigue quantità presenti nel corpo umano, le vitamine risultano essenziali per la salute dell’organismo.

Per questo motivo, la carenza di una o più vitamine compromette numerose vie metaboliche cellulari e svariati processi fisiologici.

I sintomi dell’avitaminosi sono quindi variegati e spesso aspecifici e difficili da individuare.

Solo nelle avitaminosi più severe, le carenze vitaminiche si presentano con quadri clinici caratteristici, come lo scorbuto (carenza di vitamina C), il beri-beri (carenza di vitamina B1) e la cecità notturna (carenza di vitamina A).

La causa dell’avitaminosi può essere il basso apporto di vitamine con la dieta. Inoltre, diverse condizioni mediche e alcuni farmaci possono predisporre alle carenze vitaminiche.

VitaminaQuanto è Comune la Carenza?Sintomi della Carenza
AComune nei Paesi in via di sviluppoCecità notturna e cheratomalacia, ritardi della crescita, deficit immunitari
DMolto Comune, specie negli individui di pelle scura e in quelli che non si espongono al soleRachitismo, osteomalacia (disturbi della crescita e ossificazione), peggioramento generale delle condizioni di salute. Maggiori informazioni »
ERara; può essere il risultato di malattie da malassorbimento dei grassiNegli adulti disturbi del metabolismo muscolare e permeabilità vascolare; nei bambini anemia emolitica. Maggiori informazioni »
KRara; può essere il risultato di malattie da malassorbimento dei grassiCoagulazione ritardata, anemie spontanee
B1Comune se si basa la propria dieta sul consumo prevalente di cereali raffinati (es. riso bianco)Beri-beri, perdita di peso, disturbi emotivi, percezione sensoriale alterata, debolezza e dolore agli arti, irregolarità del battito cardiaco
B2Comune se si basa la propria dieta sul consumo prevalente di cereali raffinati (es. riso bianco)Arresto della crescita, malattie della pelle, fotosensibilità, alterazioni delle labbra e della lingua, cheilite angolare, anemia
B3Comune se si basa la propria dieta sul consumo prevalente di mais. Favorita dall’alcolismo cronicoPellagra (diarrea, dermatite, demenza e morte), fotodermatiti, parestesie
B5Estremamente raraDisturbi del SNC, con irritabilità, affaticamento e apatia
B6Rara, può essere osservata in caso di malattie renali allo stadio terminale o sindromi da malassorbimento, come la celiachia, il morbo di Crohn o la colite ulcerosaDermatiti, polineuriti, spasmi muscolari, anemia microcitica, formicolio alle mani e ai piedi
B7Rara, più comune negli alcolistiDermatite e Caduta dei Capelli
B9ComuneAnemia emolitica e megaloblastica; è associata a difetti del tubo neurale (NTD) nei neonati quando la madre è carente nel primo trimestre di gravidanza. Maggiori informazioni »
B12Comune nei vegani e negli AnzianiAnemia perniciosa e megaloblastica, mielosi funicolare. Maggiori informazioni »
CAbbastanza rara, più comune nei fumatori, negli anziani e in chi segue una dieta povera di vegetali freschiScorbuto, disturbi del tessuto connettivo, facilità al sanguinamento, debolezza. Maggiori informazioni »

Per il tuo benessere, ti consigliamo il nostro miglior integratore multivitaminico: Vitamina C Suprema ®. Con sambuco, zenzero, echinacea e una formula multivitaminica-multiminerale a elevata disponibilità, con potassio, magnesio, zinco, selenio, vitamina D e tutte le vitamine del gruppo B.

Migliore Vitamina C Suprema

Vitamina C Suprema® | Multivitaminico – Energia e Difese Immunitarie | Con 500 mg di Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Sostiene le difese immunitarie | Con Vitamina D, Echinacea, Sambuco, Zinco, Selenio
Contro stanchezza e affaticamento | Con Vitamine del gruppo B, Magnesio, Potassio, Zenzero, Bioflavonoidi

Avitaminosi e Diete Moderne

Carenze della Dieta Moderna

La dieta occidentale è caratterizzata da un consumo eccessivo di cibo molto energetico ma scarsamente nutriente.

La colpa dell’inadeguata assunzione di vitamine va quindi ricercata innanzitutto in una dieta che troppo spesso favorisce i cibi trasformati e raffinati, con un apporto insufficiente di cereali integrali, frutta, verdura, legumi e frutta secca oleosa.

Circa il 75% della popolazione statunitense (età ≥ 1 anno) mangia meno frutta rispetto all’assunzione raccomandata e più dell’80% non raggiunge l’assunzione raccomandata di verdura 1.

Uno studio ha scoperto che su 20 individui, inclusi atleti e persone sedentarie, tutti presentavano almeno due o più carenze nutrizionali; le più comuni erano iodio, vitamina D, zinco, calcio e vitamina E 2.

La crescente diffusione dello stile alimentare vegano contribuisce all’aumento di specifiche carenze di vitamine e minerali, come quelle di vitamina D, B12, Ferro, Calcio e Zinco. Da non dimenticare, poi, che altri nutrienti molto importanti – come carnosina, taurina, carnitina, creatina, EPA e DHA ecc. – sono prerogativa o quasi degli alimenti animali.

Secondo uno studio che ha analizzato 4 piani dietetici popolari, anche le persone che mangiano 5 porzioni giornaliere di frutta e verdura potrebbero non assumere abbastanza vitamine per una salute ottimale. La maggior parte delle persone, ad esempio, non raggiungeva i livelli ottimali di folati (B9), biotina (B7) e vitamine D ed E.

La seguente tabella riporta i risultati di un sondaggio nutrizionale condotto su 16.444 individui di età pari o superiore a 4 anni; l’ultima colonna indica la percentuale dei soggetti che non raggiungeva il cosiddetto EAR.

L’EAR rappresenta il valore di assunzione che si stima soddisfi il fabbisogno di metà degli individui sani appartenenti a un determinato gruppo di età e sesso.

Questo significa, ad esempio, che il 94,3% degli statunitensi non assume abbastanza vitamina D con la dieta

VitamineAssunzione giornaliera media dal cibo% <EAR
Folato542 μg di DFE9,5
Niacina24,7 mg1,1
Riboflavina2,2 mg2,1
Tiamina1,6 mg4,7
Vitamina A621 μg RAE43,0
Vitamina B 62,0 mg9,5
Vitamina B 125,3 μg2,5
Vitamina C84,0 mg38,9
Vitamina D4,9 μg94,3

Vitamina E (α-tocoferolo)

7,4 mg88,5
Vitamina K85,2 μg66,9

È importante notare che i dati sopra menzionati includono l’assunzione di micronutrienti da tutte le fonti alimentari, inclusi i cibi arricchiti e fortificati.

A differenza dell’Italia, in America molti alimenti (come latticini e cereali per la colazione) sono arricchiti (fortificati) con vitamine, come folati, niacina, riboflavina, tiamina, vitamina A e vitamina D.

In Italia, dove la fortificazione degli alimenti non è diffusa, le percentuali di assunzione insufficiente potrebbero essere ancora superiori.

Uno studio Italiano condotto su soggetti adulti residenti a Pisa ha evidenziato diverse assunzioni carenti di vitamine (vitamina B1, folati, vitamina D e vitamina E) da lievi a moderate 5.

Carenze del Cibo Moderno

È opinione comune che il "cibo moderno" risulti in qualche modo carente di micronutrienti essenziali.

Diversi studi condotti su frutta, verdura e cereali avvallano questa ipotesi, dimostrando che la qualità nutrizionale del cibo è diminuita nel corso degli anni a causa delle pratiche agricole moderne 2.

Il calo dei valori nutritivi sembra dipendere anche e soprattutto dai cambiamenti nelle varietà coltivate, con alcune cultivar ad alto rendimento che sono meno nutrienti delle varietà storiche 6, 7.

Sono naturalmente coinvolti molti altri problemi, come i cambiamenti nei metodi di coltivazione, compreso l’uso estensivo di fertilizzanti chimici, nonché le tecniche di lavorazione, conservazione e preparazione degli alimenti.

Il problema più rilevante riguarda i cereali, perché rappresentano la colonna portante della dieta della maggior parte degli individui.

L’uso di farine ultraraffinate concentra la parte energetica del cereale ma elimina gran parte dei nutrienti più preziosi, come fibre, vitamine, minerali e acidi grassi essenziali. Da qui la raccomandazione di consumare la metà delle porzioni di cereali in forma integrale e di dare spazio anche a "cereali minori", come avena, farro, segale, miglio, teff ecc.

Altre Cause di Carenze

Il terrorismo mediatico sugli effetti dannosi del sole ha contribuito al dilagare dell’avitaminosi D, finendo col provocare molti più danni che benefici (scopri di più sui benefici del sole) 8.

Inoltre, il crescente invecchiamento della popolazione aumenta l’incidenza delle avitaminosi, a causa del minore apporto alimentare, della ridotta capacità di assorbimento intestinale e della presenza di malattie o farmaci che aumentano il "consumo" di vitamine 9.

Sintomi

Avitaminosi e Carenze Subcliniche

In generale, esistono due tipi di carenze nutritive:

Nelle società industrializzata, le carenze franche sono molto rare, mentre quelle subcliniche sono estremamente comuni.

Poiché le carenze vitaminiche non sono così gravi da scatenare sintomi evidenti e ben definiti, risultano spesso difficili da individuare.

Ad esempio, le inadeguatezze di micronutrienti potrebbero provocare sintomi di affaticamento generale, ridotta capacità di combattere le infezioni o compromissioni della funzione cognitiva 10.

Inoltre, il fatto che la carenza di micronutrienti sia quasi sempre marginale o subclinica non significa che sia innocua. Al contrario, rappresenta un problema subdolo e preoccupante, perché difficile da diagnosticare e predisponente a numerose malattie croniche, come cancro, malattie cardiovascolari, diabete mellito di tipo 2, osteoporosi e malattie degli occhi correlate all’età 11.

Carenze vitaminiche anche lievi possono inoltre danneggiare il DNA, accelerare l’invecchiamento e aumentare il rischio di diventare sovrappeso od obesi 3, 12.

Sintomi Generali

I sintomi comuni dell’avitaminosi includono:

Carenze Vitaminiche Comuni

NOTA: la prevalenza delle varie carenze vitaminiche nella popolazione varia in base al metodo di analisi scelto e ai livelli di cut-off usati per definirle. Possono quindi esistere ampie variazioni tra i risultati forniti dai vari studi.

Vitamina D

Negli Stati Uniti, circa il 42% delle persone risulta più o meno gravemente carente di vitamina D.

Questa percentuale sale al 74% negli anziani e all’82% nelle persone con pelle scura 13, 14.

Un altro studio ha stimato che circa il 28,8% delle donne e il 13,6% degli uomini italiani di età superiore a 65 anni aveva una carenza di vitamina D (<25 nmol/l), mentre questa vitamina era insufficiente (<50 nmol/l) nel 74,9% delle donne e nel 51,0% degli uomini 15.

Vitamina B12

Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, la carenza di vitamina B12 interessa circa il 6% della popolazione e fino a circa il 20% degli adulti di età superiore ai 60 anni. Nei Paesi meno sviluppati i tassi sono ancora più alti 16.

Poiché la vitamina B12 si trova solo negli alimenti di origine animale, una dieta vegana seguita per lunghi periodi può causare una carenza di vitamina B12. Gli studi indicano che fino all’80-90% dei vegetariani e dei vegani può essere carente di vitamina B12 17, 18.

L’incidenza della carenza di vitamina B12 aumenta anche con l’età, passando da circa 1 caso su 20 tra le persone di età compresa tra 65 e 74 anni a 1 su 10 o anche di più tra le persone ultrasettantaquatrenni 19.

Vitamina C

La grave carenza di vitamina C è abbastanza rara nei paesi sviluppati.

Nonostante la premessa, si stima che la carenza di vitamina C interessi ancora il 5-15% degli adulti negli Stati Uniti 20, 21. Tassi più alti (30%) si osservano negli anziani 22.

Un recente studio condotto in Nuova Zelanda ha rivelato livelli non ottimali di vitamina C nel 62% dei soggetti analizzati e una carenza marginale o grave di vitamina C nel 15,4% della coorte 23.

Inoltre, i livelli di vitamina C diminuiscono drasticamente nei pazienti ospedalizzati 24.

Acido Folico

La carenza di folati (vitamina B9) è piuttosto comune.

In particolare, alcune popolazioni, tra cui gli anziani e le donne in gravidanza, hanno difficoltà a ottenere l’assunzione dietetica raccomandata di folati attraverso la dieta 25.

Anche il fumo è associato a un basso stato di folati (oltre che di altre vitamine, come ad es. la B12 e la C). In uno studio, le concentrazioni di folato nel sangue erano inferiori di circa il 15% nei fumatori rispetto ai non fumatori 26.

Vitamina B6

La carenza isolata di vitamina B6 è rara. In generale, quando si osservano bassi livelli di questa vitamina nel sangue, si registrano anche carenze di altre vitamine del gruppo B, come la vitamina B12 e l’acido folico 27.

Negli studi NHANES 2003-2004, una "carenza" di vitamina B6 è stata segnalata nel 24% delle persone che non usavano integratori e nell’11% di coloro che ne facevano uso 28.

Soggetti a Rischio

Alcuni individui possono presentare un rischio maggiore di avitaminosi rispetto ad altri.

Di seguito proponiamo un elenco delle condizioni che espongono a un rischio maggiore di carenze nutrizionali (tra parentesi sono indicati i micronutrienti preoccupanti) 29:

Malattie e Carenze di Vitamine

Diverse malattie predispongono alle carenze vitaminiche.

Tralasciando i rari deficit ereditari, cause comuni di carenze vitaminiche includono:

Inoltre, qualsiasi paziente con una storia di intervento chirurgico con bypass o resezioni gastriche o dell’intestino tenue è a forte rischio di avitaminosi. Tali interventi possono rendersi necessari in caso di obesità morbosa, tumori o gravi forme di morbo di Crohn.

Farmaci e Carenze di Vitamine

In generale, l’uso a breve termine di un farmaco non porterà a una carenza di nutrienti.

Al contrario, l’uso a lungo termine di alcuni farmaci può diventare una causa di avitaminosi.

VitamineFarmaci che possono determinare carenza 30, 31
Acido folico
  • Anticonvulsivanti (es. fenitoina, carbamazepina)
  • Estrogeni (inclusi i contraccettivi orali)
  • Enzimi Pancreatici
  • Metotrexato 
  • Metformina
Vitamine Liposolubili (A, D, E, K)
  • Resine sequestranti degli acidi biliari (es. colestiramina, colestipolo)
  • Statine
Vitamina B6
  • Estrogeni (inclusi i contraccettivi orali)
Vitamina B12
  • Metformina
  • Inibitori della pompa protonica (es. omeprazolo, lansoprazolo, pantoproazolo, esomeprazolo)
  • Antagonisti dei recettori H2 (es. ranitidina)
  • Antiacidi (es. Idrossido di magnesio Idrossido di
    alluminio)
  • Estrogeni
Vitamina D
  • Anticonvulsivanti (es. fenitoina, carbamazepina)
  • Resine sequestranti dei sali biliari (es. colestiramina, colestipolo)
Vitamine del gruppo B + Vitamina K
  • Antibiotici

Diagnosi

La diagnosi dell’avitaminosi dovrebbe basarsi su:

È molto importante che la valutazione comprenda tutti i suddetti punti, in quanto:

Il medico potrebbe anche prescrivere esami, come un’endoscopia digestiva, per individuare eventuali malattie sottostanti.

Trattamento

Il trattamento dell’avitaminosi si bassa sulla somministrazione di farmaci o integratori a base delle vitamine carenti.

Solitamente, l’integrazione si effettua per via orale, ma in casi di grave carenza o malattie importanti il medico potrebbe optare per una somministrazione intramuscolare.

A ciò si aggiunge l’eventuale trattamento della condizione medica che ha generato l’avitaminosi e la correzione – se necessaria – delle abitudini nutrizionali e di vita errate.

L’uso di integratori multivitaminici – pur risultando utile per la prevenzione delle carenze vitaminiche nella popolazione generale – non è considerato sufficiente per la correzione acuta delle carenze.

Di fronte a un’avitaminosi sono infatti necessari apporti di singole vitamine ben superiori rispetto a quelli normalmente contenuti nei multivitaminici.

Per il tuo benessere, ti consigliamo il nostro miglior integratore multivitaminico: Vitamina C Suprema ®. Con sambuco, zenzero, echinacea e una formula multivitaminica-multiminerale a elevata disponibilità, con potassio, magnesio, zinco, selenio, vitamina D e tutte le vitamine del gruppo B.

Migliore Vitamina C Suprema

Vitamina C Suprema® | Multivitaminico – Energia e Difese Immunitarie | Con 500 mg di Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Sostiene le difese immunitarie | Con Vitamina D, Echinacea, Sambuco, Zinco, Selenio
Contro stanchezza e affaticamento | Con Vitamine del gruppo B, Magnesio, Potassio, Zenzero, Bioflavonoidi

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie?
Scopri Vitamina C Suprema ®
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Scopri il Nuovo Siero X115®ACE
Provalo Gratis - Vitamine Pure | A | C | E
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come