Vitamina D Bassa | Cosa Fare | Cause, Valori Normali, Cure 04 Feb 2021 | In X115

Che Cos’è

La vitamina D bassa è una condizione molto comune, soprattutto (ma non solo) negli anziani e nei soggetti obesi.

Si instaura quando la concentrazione di vitamina D nel sangue scende al di sotto dei livelli di normalità, sconfinando nell’intervallo di insufficienza o carenza.

Il medico può prescrivere il dosaggio della vitamina D nel sangue per determinare se:

La carenza di vitamina D viene generalmente trattata con integratori o farmaci a base di questa vitamina.

Il medico potrebbe anche suggerire un’integrazione di calcio, fosforo e magnesio, o prescrivere ulteriori esami per valutare la salute del fegato, dei reni e delle ossa.

Carenza Vitamina D Infografica

Quanto è comune?

Come anticipato, la vitamina D bassa è una condizione estremamente comune.

È stato stimato che dal 20 all’80% delle persone negli Stati Uniti, Canada, Messico, Europa, Medio Oriente e Asia presentano una carenza di vitamina D 1, 2, 3.

Per quanto riguarda il Bel Paese, uno studio ha osservato che il 76% delle donne italiane di età superiore a 70 anni presenta una grave carenza di vitamina D (< 12 ng/ml) alla fine dell’inverno 4. Nei soggetti istituzionalizzati o con patologie sottostanti, la condizione era ancora più comune.

Secondo un altro studio, quasi la metà dei bambini obesi italiani presenta una bassa concentrazione di vitamina D nel sangue 5.

Valori Normali e Carenza

Tramite un semplice esame del sangue, è possibile misurare la concentrazione della vitamina D nel sangue.

Nello specifico, questo test misura i livelli di 25-idrossivitamina D [altrimenti nota come calcifediolo o 25(OH)D], che viene prodotta dal fegato a partire dalla vitamina D assunta con la dieta o sintetizzata nella pelle.

Il valore di 25(OH)D misurato nel campione ematico viene quindi interpretato dal medico secondo dei parametri di riferimento.

Attualmente, non c’è un grosso consenso sui valori di cutoff per definire gli stati di normalità, insufficienza e carenza di vitamina D, che possono variare a seconda delle Autorità e dei laboratori.

Ad ogni modo, i valori riportati nella seguente tabella sono stati usati in molti degli studi da noi analizzati.

Interpretazione dei livelli ematici di 25(OH)D, 25-idrossivitamina D o calcifediolo.
Definizionenmol/l*ng/ml*
Carenza (Vitamina D Molto Bassa)< 50< 20
Insufficienza (Vitamina D Bassa)50-7520-30
Eccesso>250>100
Intossicazione> 375>150
*1 ng/ml corrisponde a 2,5 nmol/l

In base ai suddetti riferimenti, si parla di vitamina D bassa quando i valori di 25(OH)D scendono al di sotto delle 75 nmol/l o dei 30 ng/ml.

Sebbene non si possa parlare di vera e propria carenza, valori di vitamina D inferiori a 30 ng/ml sono stati associati a una lunga lista di malattie croniche 6.

Altre fonti, come l’Istituto di medicina statunitense, adottano intervalli di riferimento diversi, che riportiamo nella tabella sottostante 7.

Concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D [25(OH)D] e salute
nmol/lng/mlStato di salute
<30<12Carenza di Vitamina D: associata a rachitismo nei neonati e nei bambini, e all’osteomalacia negli adulti
30-50 12-20Insufficienza o Inadeguatezza: i livelli di vitamina D sono leggermente bassi e considerati inadeguati per l’ottimale salute delle ossa e la salute generale di individui sani
≥50≥20Valore adeguato di vitamina D: Generalmente considerato adeguato per le ossa e la salute generale di individui sani.
75-10030-40Valore ottimale di vitamina D: i livelli ottimali di vitamina D sono ancora controversi e gli intervalli suggeriti variano in base agli studi.
Alcune ricerche suggeriscono che livelli ematici di 25(OH)D compresi tra 30 ng/ml e 60 ng/ml sono associati a minori rischi di esiti avversi per la salute, comprese malattie cardiovascolari, tumori e malattie autoimmuni 8.
> 125> 50Eccesso di vitamina D: evidenze emergenti collegano potenziali effetti avversi da eccesso di vitamina D, in particolare per livelli superiori a 150 nmol/l (>60 ng/ml)

L’associazione italiana degli endocrinologi clinici (AME) 9 raccomanda di mantenere i livelli di 25(OH)D al di sopra sei 30ng/ml (75 nmol/L) nei soggetti:

Per il tuo benessere, ti consigliamo il nostro miglior integratore multivitaminico: Vitamina C Suprema ®. Con sambuco, zenzero, echinacea e 18 princìpi attivi, vitamina D inclusa.

Migliore Vitamina C Suprema

Vitamina C Suprema® | Multivitaminico – Energia e Difese Immunitarie | Con 500 mg di Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Sostiene le difese immunitarie | Con Vitamina D, Echinacea, Sambuco, Zinco, Selenio
Contro stanchezza e affaticamento | Con Vitamine del gruppo B, Magnesio, Potassio, Zenzero, Bioflavonoidi

Tieni presente che Vitamina C Suprema ® non è primariamente un integratore di vitamina D. Pertanto, per evitare rischi di sovradosaggio, i livelli di questa vitamina sono stati mantenuti a livelli moderati (400 UI per 2 bustine), utili per il benessere generale ma insufficienti per colmare gravi carenze.

Cause

Le cause della vitamina D bassa vanno ricercate in:

Ricordiamo, a tal proposito, che la principale fonte di vitamina D per il corpo umano non è la dieta, ma l’esposizione alla luce solare.

Pochi alimenti in natura contengono vitamina D. Le principali fonti alimentari sono il pesce grasso (salmone, tonno, sgombro, sardine), olio di fegato di merluzzo, fegato di manzo, tuorli d’uovo, formaggi e alcuni funghi.

La vitamina D sintetizzata nella pelle, oltre a quella contenuta negli alimenti, risulta biologicamente inattiva e dev’essere elaborata dall’organismo, prima nel fegato e successivamente nei reni. Pertanto, è fondamentale che questi organi funzionino adeguatamente.

Fattori di Rischio

Numerosi fattori di rischio possono determinare una vitamina D bassa nel sangue.

L’individuazione di questi fattori di rischio può quindi indurre il medico a prescrivere un esame per misurare i livelli di vitamina D nel sangue:

Sintomi e Conseguenze

La carenza di vitamina D è una condizione molto diffusa nella popolazione generale. Tuttavia, nella maggior parte dei casi si tratta di una carenza subclinica, ovvero priva di sintomi e manifestazioni evidenti.

Questo, comunque, non significa che la carenza di vitamina D sia innocua; al contrario, è un problema rilevante di salute pubblica.

Vitamina D Molto Bassa

Le carenze più gravi di vitamina D (livelli di 25(OH)D inferiori a 20 ng/ml) indeboliscono le ossa, causando una condizione nota come rachitismo nei bambini e osteomalacia negli adulti.

Bassi livelli di vitamina D favoriscono inoltre l’osteoporosi e le fratture ossee negli anziani, riducendo anche l’efficacia dei farmaci per l’osteoporosi.

Vitamina D Bassa

Carenze lievi o moderate di vitamina D (le cosiddette insufficienze) possono essere accompagnate da sintomi lievi, sfumati e difficilmente riconoscibili, come dolori muscolari, debolezza e scarsa efficienza fisica.

Inoltre, studi clinici e osservazionali hanno trovato una relazione tra carenza di vitamina D e:

Tuttavia, a parte alcune eccezioni, non è stato dimostrato che l’integrazione di vitamina D possa migliorare, prevenire o ridurre il rischio di sviluppare queste malattie, soprattutto quando manca una carenza specifica.

Inoltre, occorre comprendere che si tratta di semplici associazioni. In altri termini, nonostante la vitamina D bassa sia correlata alle suddette malattie, non necessariamente ne rappresenta la causa.

Cosa Fare?

Quando gli esami del sangue indicano che la vitamina D è bassa, il medico potrebbe raccomandare:

Dosi di Vitamina D

Per correggere la vitamina D bassa, il medico stabilirà un dosaggio di integrazione sulla base di diversi fattori, come gravità della carenza, peso corporeo, età del paziente e necessità di una rapida normalizzazione dei livelli ematici.

A livello indicativo, il medico potrebbe suggerire 9:

I dati provenienti da studi sull’integrazione indicano che gli adulti che vivono a latitudini temperate richiedono un’assunzione di vitamina D di almeno 800-1000 UI al giorno per raggiungere concentrazioni sieriche di 25-idrossivitamina D di almeno 30 ng/ml (75 nmol/l) 36.

Quanto Esporsi al Sole?

Secondo quanto suggerito dalle linee guida, nel nostro Paese i tempi di esposizione al sole consigliati per la salute delle ossa, sarebbero pari a:

Il tempo di esposizione al sole necessario per un’adeguata sintesi di Vitamina D varia in base alla stagione, al luogo, al tipo di pelle e all’area del corpo esposta.

E’ stato stimato che durante la primavera, l’estate e l’autunno, a 42 gradi di latitudine nord (Roma), 15 minuti di esposizione solare giornaliera su mani, braccia e viso intorno a mezzogiorno forniscano, durante la primavera, l’estate e l’autunno, 1.000 UI di vitamina D al giorno a una persona dalla pelle chiara 37.

Per approfondire, leggi il nostro articolo sui benefici del sole e i consigli per un’abbronzatura sicura »

Vitamina C Suprema ®

Suprema: con Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Difese immunitarie: con Echinacea, Sambuco Nero, Zinco, Selenio, Vitamina D
Energia e Benessere: con Magnesio, Potassio, Zenzero, Vitamine del Gruppo B

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie?
Scopri Vitamina C Suprema ®
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Scopri il Nuovo Siero X115®ACE
Provalo Gratis - Vitamine Pure | A | C | E
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come