Film Idrolipidico | Composizione, Funzioni, Cosmetici 20 Giu 2020 | In X115


Cos’è

Il cosiddetto film idrolipidico è un sottile strato protettivo che riveste la superficie cutanea.

È conosciuto anche come mantello idrolipidico o mantello acido (per il suo pH leggermente acido – 5,5).

Le sue funzioni sono essenzialmente protettive:

Funzioni

L’integrità del mantello idro-lipidico è fondamentale per:

Il film idrolipidico trattiene l’acqua che viene trasferita sulla superficie cutanea con la sudorazione, "intrappolandola" in una sorta di emulsione fisiologica. In altri termini aiuta a ridurre la TEWL.

TEWL è l’acronimo di Trans Epidermal Water Loss, un parametro che quantifica la perdita di acqua trans-epidermica.

Entro certi limiti, si tratta di un fenomeno fisiologico: l’acqua risale dal circolo sanguigno agli strati cutanei più profondi (derma) e da qui fino a quelli più superficiali (strato corneo), evaporando nell’ambiente.

Poiché non ci rendiamo conto di questo fenomeno, si parla comunemente di “perspiratio insensibilis” ovvero di traspirazione non percettibile.

In assenza del film idrolipidico, le perdite idriche attraverso la TEWL sarebbero di gran lunga superiori a quelle fisiologiche.

Composizione

Il film idrolipidico è composto in prevalenza da lipidi (95%) e in misura inferiore da "acqua" (5%).

La fase acquosa del film idrolipidico è costituita essenzialmente dal sudore prodotto dalle ghiandole sudoripare; è principalmente responsabile del mantenimento del livello di acidità della pelle. Inoltre, i suoi soluti hanno funzioni igrosopiche, catturando e trattenendo l’acqua.

La fase oleosa del film idrolipidico è costituita da lipidi, in gran parte di origine sebacea e in misura nettamente inferiore cheratonicitaria.

Il sebo umano è una miscela di lipidi non polari, principalmente trigliceridi, esteri cerosi, squalene e acidi grassi, e in minori quantità colesterolo, esteri di colesterolo e digliceridi.

I lipidi del mantello acido vengono prodotti soprattutto dalle ghiandole sebacee e in misura inferiore dalle cellule dell’epidermide (cheratinociti).

I lipidi prodotti dai cheratinociti sono una miscela di proporzioni quasi uguali di acidi grassi liberi, colesterolo e ceramidi. Questi lipidi riempiono gli spazi tra le cellule, come malta o cemento.

In base alle differenti regioni del corpo, e alla relativa densità delle ghiandole sebacee, la composizione del film idrolipidico può quindi cambiare leggermente.

Ad esempio, il sebo prodotto nell’orecchio e più ricco di cere ed esteri a catena lunga (non a caso prende il nome di "cerume").

Composizione del sebo umano e dei lipidi epidermici 1
Lipidi del sebo (%)Lipidi Epidermici (%)
Gliceridi30-5030-50
Acidi Grassi Liberi15-308-16
Esteri Cerosi26-30
Squalene12-20
Esteri del Colesterolo3-615-20
Colesterolo1,5-2,520-25

La ghiandola sebacea produce alcune tipologie uniche di lipidi, che al di fuori della pelle non possono essere trovate in altri tessuti.

L’elevata escrezione di sebo è uno dei principali fattori coinvolti nella fisiopatologia dell’acne. Non a caso, le aree ricche di ghiandole sebacee (fronte, parte superiore del torace e dorso) sono le zone in cui si manifestano elettivamente le lesioni acneiche.

D’altronde, il sebo è un problema anche quando ce n’è troppo poco. L’impoverimento del mantello idrolipidico è in genere la causa più comune di pelle secca e irritata.

Lipidi Sebacei

Acido Sapienico

L’acido grasso predominante del sebo è l’acido sapienico, che non si trova in nessun’altra parte del corpo umano.

Inoltre, gli esseri umani non lo ottengono dalla dieta poiché sono state segnalate pochissime specie vegetali capaci di produrre questo insolito acido grasso.

Esteri Cerosi

Rappresentano circa il 25% dei lipidi sebacei.

In natura agiscono come strati protettivi per foglie e frutti di piante o pelle, piume e peli di animali. Sono più resistenti all’ossidazione, all’idrolisi e al calore rispetto ai trigliceridi e ai fosfolipidi. Inoltre, servono anche per la lubrificazione.

Nel sebo umano, le proprietà fisico-chimiche dei cristalli di cera hanno dimostrano insolite proprietà autopulenti della superficie, che respingono non solo l’umidità, ma insieme all’acqua allontanano qualsiasi tipo di invasore fisico o biologico. Questo fenomeno è stato definito come “effetto loto2.

Squalene

È un precursore del colesterolo, un lubrificante naturale che ha un’alta efficienza di penetrazione.

Sembra avere un ruolo importante nella protezione UV, ma anche dall’irritazione cutanea.

Dal momento che lo squalene è instabile, nei prodotti cosmetici viene impiegato maggiormente lo squalano.

Squalano e squalene esibiscono proprietà simili:

Altri Componenti

Il sebo contiene anche antiossidanti lipofili come la vitamina E (oltre al coenzima Q10), importanti nel proteggere la pelle dall’ossidazione dei lipidi.

Occorre anche notare che dopo la sua sintesi, il sebo umano va incontro a un importante opera di trasformazione per mezzo degli enzimi e della flora microbica presenti sulla superficie cutanea.


Crema Antirughe Uomo

X115® Crema Antirughe Idratante Man-Woman | Ideale per Prime Rughe, Pelle Grassa, Pelle Maschile | Formula a Rapido Assorbimento | Idratante con Allantoina, Pantenolo, Acido Ialuronico Idrolizzato, Squalano | Liftante con GABA e Acetyl hexapeptide-8 | Made in Italy

Lipidi Epidermici

Pur essendo nettamente minoritari all’interno del film idro-lipidico, i lipidi epidermici di origine cheratinocitaria svolgono un ruolo essenziale nella funzione barriera della pelle.

Questi lipidi forniscono una barriera contro il movimento di acqua ed elettroliti, e contro l’invasione di microrganismi.

Cementano infatti le cellule dei cheratinociti, che costituiscono lo strato più superficiale dell’epidermide.

Sono composti da proporzioni uguali di ceramidi, colesterolo e acidi grassi liberi, fornendo limitazioni fondamentali al movimento di acqua ed elettroliti.

La suddetta miscela lipidica proviene da strutture uniche chiamate corpi lamellari, prodotte dai cheratinociti e contenenti anche enzimi idrolitici necessari per la desquamazione cutanea.

Ceramidi

Dal punto di vista chimico, le ceramidi sono formate da una base sfingoide (sfingosina o fitosfingosina), legata a un acido grasso tramite legame ammidico.

Nello strato corneo, le ceramidi occupano gli spazi interstiziali tra le cellule cementandole tra loro e contribuendo a mantenere integra la barriera cutanea.

Le ceramidi dello strato corneo svolgono un ruolo fondamentale nel:

Le ceramidi vengono impiegate in cosmesi per ripristinare e mantenere integra la barriera cutanea (mantello idrolipidico).

Fase Acquosa

La fase acquosa del film idrolipidico è definita come NMF (natural moisturizing factor) ed è composta da tutte le sostanze non lipidiche presenti sulla superficie epidermica.

L’NMF è una miscela di sostanze idrosolubili e igroscopiche in grado di legare e trattenere l’acqua nello strato corneo e nel film idrolipidico superficiale, fissando anche parte dell’umidità ambientale a contatto con la pelle.

L’NMF è costituito da acqua, sali minerali, amminoacidi, altre sostanze azotate presenti nel sudore, come urea e ammoniaca, zuccheri e acidi organici (acido lattico, acido citrico, ecc.)

Alterazioni del Film Idrolipidico

I lipidi del mantello acido contribuiscono alle normali funzioni cutanee e al mantenimento di una pelle sana.

L’alterazione della funzione barriera del film idrolipidico è in genere la causa più significativa della perdita di umidità dalla pelle, con conseguente comparsa di pelle secca e segni associati (screpolature, ruvidità, desquamazione ecc.)

Oltre all’età e alla predisposizione genetica, fattori esterni possono provocare stati più o meno accentuati di disidratazione cutanea.

I principali fattori di disidratazione sono:

Ripristino del Film Idrolipidico

Nella maggior parte dei casi, i prodotti per i quali si è osservata e descritta un’efficacia clinica contro la pelle secca e i disturbi associati, sono quelli caratterizzati da un’attività diretta nei confronti dello strato corneo (lo strato più superficiale della pelle) e del film idrolipidico cutaneo.

I cosmetici idratanti agiscono localmente apportando ingredienti:

Alcuni complessi cosmetici mirano a ottenere una composizione analoga all’NMF (in realtà estremamente complessa e difficile da stabilire).

Queste miscele, dette NMF ricostruiti, contengono attivi come piroglutamato sodico, lattato sodico, urea, idrolizzati proteici (collagenici o cheratinici), miscele di aminoacidi ricostruite, collagene nativo solubile, e saccaridi.

Crema Viso Antirughe

X115® Crema Antirughe Woman | Multi-Azione | Ideale per Pelli Secche – Mature – Formula “SOS” Multi-Azione | Senza Profumo | Idratante con Allantoina, Pantenolo, Acido Ialuronico Idrolizzato | Emolliente con Burro di Karitè e Oli di Argan, Avocado, Acai | Liftante con GABA e Acetyl hexapeptide-8 | Made in Italy

Il Gesto d'Amore
Più Prezioso
Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è un trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Scopri il Nuovo Siero X115®ACE
Provalo Gratis - Vitamine Pure | A | C | E
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come