Vitamina C e Coronavirus | COVID-19 | Efficacia, Cura e Prevenzione 27 Ago 2021 | In X115

Concetti Chiave

Parlando di vitamina C e coronavirus è importante chiarire da subito 7 concetti chiave.

1) Non esistono integratori, né strategie alimentari o modifiche dello stile di vita in grado di offrire una protezione certa e assoluta dalla COVID-19.

2) Aldilà del vaccino, le misure più importanti da adottare con finalità preventive includono il distanziamento fisico, noto anche come distanziamento sociale, e pratiche igieniche adeguate (come il lavaggio frequente delle mani). Maggiori informazioni sul sito del Ministero della Salute.

3) Una dieta sana e bilanciata, eventualmente supportata da specifici integratori suggeriti dal medico, è utile per sostenere le naturali difese immunitarie. Anche un sonno adeguato, l’attività fisica moderata e una sana esposizione solare "non scottante" sono importanti a tale scopo.

4) In assenza di aumentati fabbisogni o carenze specifiche, è improbabile che l’aumentato apporto di certi nutrienti (attraverso la dieta o integratori specifici) possa rafforzare le difese immunitarie oltre il normale stato di salute.

5) L’uso terapeutico della vitamina C contro il coronavirus è in fase di studio soprattutto nel trattamento di pazienti ospedalizzati in terapia intensiva. A tal proposito, i medici stanno studiando prevalentemente gli effetti della vitamina C somministrata per via endovenosa.

6) Rispetto alla vitamina C assunta per via orale, la vitamina C somministrata per via endovenosa può portare a concentrazioni plasmatiche di acido ascorbico da 30 a 70 volte superiori 1.

Pertanto, sebbene esistano diverse prove preliminari a sostegno della vitamina C endovenosa nel trattamento/prevenzione dei casi più gravi di COVID-19, anche ammesso che queste evidenze fossero confermate da studi più ampi, nessun integratore alimentare potrà sostituirsi alla terapia endovenosa.

Recenti Sviluppi

A febbraio 2021 è stato pubblicato uno studio su 76 pazienti con malattia da Coronavirus 2019, di cui 46 trattati con vitamina C ad alto dosaggio (6 g di infusione endovenosa 2 volte al giorno il primo giorno e una volta al giorno per i successivi 4 giorni) e 30 con terapia standard da sola 1.

La somministrazione di vitamina C ad alto dosaggio ha ridotto dell’86% il rischio di mortalità a 28 giorni, riducendo anche la necessità di ossigeno e abbreviando la degenza ospedaliera.

La vitamina C ad alte dosi può quindi essere una terapia promettente per la COVID-19, ma sono necessari ulteriori studi.

Infatti, secondo una recente revisione, attualmente mancano prove a sostegno dell’uso terapeutico della vitamina C in pazienti con COVID-19 grave e non è possibile fornire raccomandazioni su questa base 1.

Vitamina C e Sistema Immunitario

La vitamina C è un nutriente essenziale che, tra le sue numerose funzioni, contribuisce anche alla difesa immunitaria.

Sappiamo che questa vitamina è altamente concentrata nelle cellule immunitarie e che le infezioni possono ridurre i livelli di vitamina C a causa dell’aumentato fabbisogno da parte del sistema immunitario 2.

In generale, la vitamina C è necessaria per uccidere i microbi e frenare l’infiammazione in eccesso.

Le carenze di vitamina C possono compromettere l’immunità e aumentare la suscettibilità alle infezioni.

La carenza di questa vitamina negli Stati Uniti è stimata dal 5 al 17% della popolazione. I fumatori sono ad alto rischio di sviluppare una carenza di vitamina C 3, 4.

Vitamina C Suprema ®

Suprema: con Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Difese immunitarie: con Echinacea, Sambuco Nero, Zinco, Selenio, Vitamina D
Energia e Benessere: con Magnesio, Potassio, Zenzero, Vitamine del Gruppo B

Vitamina C e Infezioni respiratorie

Nel corso degli anni sono state accumulate prove sulla capacità della vitamina C di prevenire e trattare le infezioni respiratorie e sistemiche 2, 5, 6.

In merito al raffreddore, l’integrazione preventiva di vitamina C (da 0,25 a 2 g/giorno) 7:

Un’importante meta-analisi ha studiato gli effetti della supplementazione di vitamina C sulla prevenzione (2.335 pazienti) e sul trattamento (197 pazienti) della polmonite. Secondo questo studio, l’integrazione preventiva può ridurre l’incidenza della polmonite dell’80%. Per quanto riguarda il trattamento, la vitamina C può ridurre la durata, la gravità e la mortalità della polmonite.

Ciò detto, gli Autori hanno sottolineato la scarsa qualità della maggior parte degli studi inclusi nella meta-analisi 8.

Una meta-analisi del 2019 che includeva 3.135 bambini ha scoperto che la vitamina C non ha prevenuto le infezioni del tratto respiratorio superiore ma ne ha ridotto la durata 9.

Uno studio su oltre 1.500 donne ha associato un’elevata assunzione di vitamina C con una ridotta incidenza di infezioni del tratto respiratorio superiore 10.

In oltre 19.000 uomini, i livelli elevati di vitamina C nel sangue erano correlati a una ridotta incidenza di diverse condizioni respiratorie, tra cui malattie respiratorie croniche, polmonite e cancro ai polmoni 11.

Per approfondire, consigliamo la lettura di:

Benefici per i Pazienti Ospedalizzati

I livelli di vitamina C diminuiscono drasticamente nei pazienti critici 12.

Mentre 100 mg/die di vitamina C possono mantenere un livello plasmatico normale in una persona sana, per aumentare i livelli plasmatici di vitamina C dei pazienti critici, riportandoli entro il range di normalità, sono necessarie dosi molto più elevate (1-4 g/die) 12, 13.

Una meta-analisi di 12 studi su 1.766 pazienti in terapia intensiva ha rilevato che la vitamina C ha ridotto la permanenza in terapia intensiva in media del 7,8% 12.

In altri sei studi, la durata della degenza in terapia intensiva è stata ridotta dell’8,6% in seguito alla somministrazione orale di vitamina C a dosi di 1-3 g/die.

In tre studi in cui i pazienti necessitavano di ventilazione meccanica per oltre 24 ore, la vitamina C ha ridotto la durata della ventilazione meccanica del 18,2%.

Un’altra meta-analisi di otto studi ha rilevato che la vitamina C ha ridotto la durata della ventilazione meccanica nei pazienti che richiedevano la ventilazione più lunga 14.

Un recente studio ha dimostrato che la somministrazione endovenosa di vitamina C (50 mg/kg in acqua al 5% di destrosio, somministrati ogni 6 ore per 96 ore) ha ridotto significativamente del 30% il tasso di mortalità dei pazienti settici con sindrome da distress respiratorio acuto 15.

Uno studio su 21 pazienti con COVID-19 in condizioni critiche ha osservato che i livelli sierici di vitamina C (e vitamina D) erano bassi nella maggior parte dei pazienti. Gli 11 pazienti sopravvissuti avevano livelli sierici medi di acido ascorbico quasi doppi rispetto ai pazienti deceduti (29,1umol/l vs 15,4 umol/l).
Gli Autori sottolineano che l’età avanzata e il basso livello di vitamina C sono apparsi fattori di rischio co-dipendenti per la mortalità 32

Vitamina C e Infiammazione

La cosa peggiore del coronavirus COVID-19 è che i pazienti suscettibili possono sviluppare una polmonite grave, che progredisce nella sindrome respiratoria acuta grave (SARS) o nell’insufficienza polmonare 16.

La vitamina C somministrata per infusione non è riuscita a ridurre l’infiammazione e il fallimento polmonare in uno studio clinico su 167 persone con sepsi e insufficienza polmonare acuta (ARDS), ma ha ridotto il tasso di mortalità 15.

La stessa terapia è stata efficace in due giovani donne con sindrome da distress respiratorio acuto causata da infezioni virali e batteriche 17, 18.

I pazienti con COVID-19 che sono ammessi in terapia intensiva tendono a mostrare livelli elevati di TNF-alfa e altre citochine infiammatorie 19.

In uno studio clinico su 30 persone con polmonite, l’integrazione con vitamina C ha ridotto le citochine pro-infiammatorie come TNF-α e IL-6 20.

La vitamina C può ridurre direttamente la produzione di specie reattive dell’ossigeno, mantenere la funzione di barriera endoteliale e la vasodilatazione, e attenuare l’infiammazione polmonare e sistemica.

Come Funziona

Somministrazione Orale

Poiché può aumentare i linfociti B e T, si ritiene che la vitamina C possa essere utile per combattere le infezioni 2.

Inoltre, le infezioni causano stress ossidativo, riducendo i livelli di vitamina C. Una maggiore assunzione di acido ascorbico in tali condizioni può garantire la protezione antiossidante, supportare la risposta immunitaria e sopprimere la replicazione virale 21, 22, 23, 2.

Molto spesso, i pazienti con malattie infettive presentano un livello insufficiente di vitamina C a causa dell’aumentato consumo metabolico 24.

Il ruolo della vitamina C nei polmoni è particolarmente importante. Non a caso, nell’albero respiratorio raggiunge concentrazioni fino a 30 volte superiori a quelle del sangue 25.

La vitamina C è essenziale per la risposta antivirale nella fase iniziale dell’influenza e una sua carenza può peggiorare il danno polmonare 26, 27.

Somministrazione Endovenosa

Il meccanismo d’azione dell’acido ascorbico somministrato per via endovenosa non è ancora chiaro.

Gli altissimi livelli di acido ascorbico nel sangue, raggiunti grazie a questa via di somministrazione, potrebbero creare radicali liberi che distruggono cellule tumorali, virus e batteri.

Numerosi studi hanno scoperto che la vitamina C ad alti dosaggi uccide i virus. Questa conclusione è tuttavia basata su esperimenti in vitro, dove in presenza di rame e/o ferro, dosi elevate di Vitamina C hanno mostrato attività pro-ossidante e virucida 28, 29.

Sul fronte opposto, un’altra possibilità è che la vitamina C endovenosa vada a potenziare la difesa antiossidante del corpo, e aiuti a spegnere l’infiammazione.

Funziona?

Alcuni rapporti preliminari suggeriscono che la vitamina C per via endovenosa potrebbe aiutare le persone che soffrono di forme gravi di coronavirus COVID-19. Di conseguenza, la vitamina C per via endovenosa appare in alcune linee guida di terapia intensiva COVID-19, come presso la Eastern Virginia Medical School.

Ad esempio, un case report riporta l’esperienza con una donna di 74 anni che presentava febbre, tosse, mancanza di respiro, ridotta ossigenazione del sangue e segni di polmonite all’esame fisico e radiologico.

Dopo 6 giorni dal ricovero, la paziente ha sviluppato ARDS (Sindrome da distress respiratorio acuto) e shock settico, per i quali sono stati avviati la ventilazione meccanica e il supporto pressorio, insieme all’infusione di vitamina C per via endovenosa ad alte dosi. Il paziente è migliorato clinicamente ed è stato possibile interrompere la ventilazione meccanica entro 5 giorni 30.

Sulla base di questi rapporti e degli studi presenti in letteratura, un recente studio pubblicato sulla rivista The Lancet ha elencato l’infusione di vitamina C come potenziale terapia di salvataggio per casi critici di infezione da COVID-19 31.

Per determinare in modo definitivo se la terapia con vitamina C endovenosa è utile per il trattamento della COVID-19 è necessaria una serie di studi in doppio cieco controllati con placebo.

I dati clinici degli studi sulla vitamina C endovenosa attualmente in corso non saranno disponibili prima di alcuni mesi.

In uno studio svoltosi a Wuhan, in Cina, su 54 pazienti ventilati, la somministrazione di vitamina C per via endovenosa alla dose di 24 g / giorno per 7 giorni ha ridotto l’infiammazione e migliorato la funzione polmonare, ma non è riuscito a ridurre la necessità di ventilazione meccanica invasiva. Tuttavia, nel sottogruppo die pazienti più gravi, il tasso di mortalità a 28 giorni è stato del 22% contro il 52% 32.

In uno studio inglese su pazienti in terapia intensiva, la somministrazione di 1 grammo di vitamina C per via endovenosa ogni 12 ore insieme ad anticoagulanti ha ridotto la mortalità del 30% (29% vs. 41%) 33.

Secondo un’altro studio svoltosi a Wuhan, la vitamina C endovenosa ha il potenziale vantaggio di attenuare l’iperinfiammazione riducendo i livelli di diversi marker infiammatori nei pazienti con COVID-19 grave 33.

Non esistono integratori, né strategie alimentari o modifiche dello stile di vita in grado di offrire una protezione certa dalla COVID-19. Le misure più importanti da adottare con finalità preventive includono il distanziamento fisico, noto anche come distanziamento sociale, e pratiche igieniche adeguate (come il lavaggio frequente delle mani). Maggiori informazioni sul sito del Ministero della Salute.

Migliore Vitamina C Suprema

Vitamina C Suprema® | Multivitaminico per le Difese Immunitarie | Con 500 mg di Vitamina C naturale da Rosa canina e Vitamina C 100% europea
Sostiene le naturali difese dell’organismo | Con Echinacea, Sambuco, Zinco, Selenio, Vitamina D
Contro stanchezza e affaticamento | Con Vitamine del gruppo B, Magnesio, Potassio, Zenzero, Bioflavonoidi

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie?
Scopri Vitamina C Suprema ®
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
Scopri il Nuovo Siero X115®ACE
Provalo Gratis - Vitamine Pure | A | C | E
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come