Bergamotto | Proprietà | Dosi, Benefici, Controindicazioni 10 Lug 2022 | In X115

Che Cos’è

Bergamotto è il nome italiano riferito all’albero Citrus x bergamia e al suo frutto.

La pianta è originaria dell’Asia tropicale e trova il suo habitat ideale sulla costa ionica e tirrenica della provincia di Reggio Calabria, in una striscia di terra larga 1-12 km 1.

Il bergamotto è un ibrido tra l’arancio amaro (Citrus x aurantium L.) e il limone (Citrus limon L.), mentre altri Autori lo considerano un ibrido tra l’arancio amaro e il lime 2.

Sono note tre varietà di bergamotto: Castagnaro, Fantastico e Femminello.

Il bergamotto viene coltivato principalmente per il suo olio essenziale (olio di bergamotto), che si ottiene per estrazione a freddo dalla buccia. Il suo caratteristico odore gradevole lo ha reso un’essenza molto popolare nei cosmetici e in aromaterapia.

Come integratore, l’estratto di bergamotto esercita effetti positivi sull’iperlipidemia (abbassando colesterolo e trigliceridi) e sul controllo della glicemia e dell’infiammazione 2.

Caratteristiche del Frutto

A causa di queste proprietà organolettiche, il frutto e il succo di bergamotto non hanno raggiunto la popolarità di altri agrumi nella dieta quotidiana, ma stanno comunque suscitando notevole interesse per le loro proprietà salutistiche.

Proprietà Salutistiche

Considerati i bassi livelli di consumo, il bergamotto può essere classificato come un agrume minore.

Minore per popolarità, dunque, ma non certo per qualità salutistiche.

Infatti, il succo di bergamotto ha attirato una certa attenzione a causa del suo notevole contenuto di flavonoidi, che possono esercitare effetti benefici sulla salute umana.

Il bergamotto è ricco di composti vegetali benefici noti come polifenoli, tra cui i flavonoidi neoeriocitrina, neoesperidina e naringina 2, 3.

I risultati di almeno cinque diversi studi clinici suggeriscono che la frazione polifenolica del bergamotto può abbassare i livelli di colesterolo totale, colesterolo LDL e trigliceridi, migliorando il colesterolo buono 1.

Risultati preliminari mostrano che l’estratto di bergamotto può ridurre le malattie cardiovascolari, l’ansia e lo stress, e migliorare la funzione cognitiva e il sonno 1.

A Cosa Serve

Uso come Alimento

Il frutto del bergamotto è commestibile. Tuttavia, presenta un sapore acido e amaro, per cui il suo consumo come frutta fresca non è diffuso.

I frutti del bergamotto possono essere trasformati in marmellate, succhi di frutta, conserve e canditi. Tuttavia, l’uso principale rimane l’estrazione dall’essenza dalla buccia, considerata di grande pregio in profumeria.

In campo alimentare, l’olio essenziale di bergamotto non è un prodotto alimentare in quanto tale, ma è ampiamente utilizzato in aromi per liquori, tè, toffee, caramelle, gelati e bevande analcoliche. È anche ben noto per aromatizzare il tè Earl Grey.

Tè Early Gray

Il tè al bergamotto, noto anche come tè Earl Grey, è tipicamente composto da foglie di tè nero ed estratto di bergamotto essiccato.

Bergamotto come Alimento Funzionale

Il succo di bergamotto, ottenuto dopo l’estrazione degli oli essenziali, è stato a lungo considerato un prodotto di scarto dell’industria dell’olio essenziale, a causa del suo sapore amaro.

Più recentemente, c’è stato un crescente interesse nell’uso del suo succo di bergamotto come bevanda funzionale, da solo o in miscela con altri succhi di frutta. Questo interesse è legato alla crescente domanda di alimenti minimamente trasformati e alimenti funzionali contenenti antiossidanti e biomolecole utili per la salute.

Come ricordato, il frutto del bergamotto è ricco di vitamina C e flavonoidi, che includono neoeriocitrina, naringina e neoesperidina, studiati per i loro benefici, soprattutto sul piano cardiovascolare.

Di recente, il succo di bergamotto ha attirato l’attenzione a causa della sua attività ipolipemizzante e ipoglicemizzante, nonché per le proprietà antinfiammatorie e potenzialmente antitumorali, che analizzeremo nel prosieguo dell’articolo 2.

Olio Essenziale di Bergamotto

Gli oli essenziali di bergamotto, ottenuti prevalentemente dalla buccia, sono ben caratterizzati e ampiamente sfruttati dall’industria alimentare, farmaceutica e cosmetica.

Secondo la Farmacopea Ufficiale Italiana (XII Ed.), l’olio essenziale di bergamotto si ottiene dalla spremitura a freddo dell’epicarpo (buccia) e, in parte, del mesocarpo (polpa) del frutto fresco.

L’olio essenziale di bergamotto è ampiamente usato nelle industrie dei profumi, dei cosmetici, degli alimenti e della pasticceria, per la sua intensa fragranza e freschezza.

Si presenta come un olio volatile verdastro o giallo-brunastro (corrispondente all’inizio e alla fine della stagione produttiva), con un gusto aromatico amaro e un odore gradevole caratteristico.

L’olio essenziale di bergamotto è uno dei principali componenti di base per la produzione di profumi, grazie alla sua capacità di fissare il bouquet aromatico degli aromi e armonizzare tutte le essenze, esaltandone la fragranza.

Nell’industria farmaceutica, l’olio essenziale di bergamotto è usato come aroma per alcuni medicinali e come cicatrizzante, per le sue proprietà antisettiche e antibatteriche.

Attualmente, un olio essenziale privo di furocoumarine (che sono fortemente foto-sensibilizzanti) viene utilizzato in diverse preparazioni cosmetiche per uso cutaneo.

Impieghi in Aromaterapia

L’olio essenziale di bergamotto è ampiamente usato in aromaterapia e ha recentemente ricevuto una rinnovata popolarità nel miglioramento dell’umore e dei lievi disturbi indotti dallo stress, e nel facilitare l’induzione del sonno.

Il massaggio aromaterapico con olio essenziale di bergamotto ha ad esempio dimostrato di alleviare i sintomi ansiosi nei pazienti oncologici 2.

Medicina Popolare

Nella medicina tradizionale italiana, l’olio essenziale di bergamotto è stato usato per trattare o curare una varietà di sintomi che includono febbre, mal di gola e infezioni della bocca, della pelle, del sistema respiratorio e del tratto urinario 2, 5.

Per le sue proprietà antisettiche e antibatteriche, l’olio essenziale di bergamotto è stato usato come agente antimicrobico per facilitare la guarigione delle ferite. Inoltre, è stato incluso in preparati usati per trattare i disturbi del tratto respiratorio superiore e l’iperidrosi 4.

Proprietà Nutrizionali

I frutti del bergamotto possiedono molte caratteristiche interessanti dal punto di vista nutrizionale, risultando (al pari di altri agrumi):

Abbassa il Colesterolo

Gli agrumi sono particolarmente ricchi di fibre solubili e questo tipo di fibra ha dimostrato di aiutare a ridurre i livelli di colesterolo 6.

Studi epidemiologici hanno rilevato una forte correlazione tra alti livelli di consumo di agrumi e riduzione del rischio di malattie cardiovascolari 7, 8.

Alcuni composti vegetali trovati negli agrumi – vale a dire esperidina e diosmina – hanno dimostrato di abbassare il colesterolo 9, 10, 11.

Bergamotto e Salute del Cuore

Il bergamotto contiene flavonoidi che possono inibire gli enzimi deputati alla sintesi di colesterolo nell’organismo 12, 13.

Inoltre, i flavonoidi del bergamotto, come la naringina, hanno dimostrato potenti effetti inibenti sulla formazione di placche aterosclerotiche, riducendo significativamente la formazione di striature grasse e l’infiltrazione di macrofagi nelle cellule endoteliali 14.

Studi sui topi hanno riportato che la somministrazione orale di succo di bergamotto può ridurre il colesterolo nel sangue e migliorare l’indice aterogenico del plasma 15.

Funziona?

Uno studio su 80 persone con livelli elevati di colesterolo ha scoperto che l’assunzione di un estratto di bergamotto (150 mg di flavonoidi di bergamotto standardizzati) ogni giorno per 6 mesi ha ridotto significativamente i livelli ematici di trigliceridi e colesterolo totale e LDL (cattivo), rispetto ai valori basali 3.

Nello specifico ha:

Altri studi hanno osservato risultati simili, con alcune ricerche che suggeriscono che il bergamotto può anche migliorare gli effetti dei farmaci tradizionali per abbassare il colesterolo 16, 17.

Secondo una revisione di 12 articoli, il 75% degli studi ha mostrato una significativa diminuzione del colesterolo totale (da -12,3% a -31,3%), del colesterolo LDL (da -7,6% a -40,8%) e dei trigliceridi (da -11,5% a -39,5%) 65.

Alternativa alle Statine?

Uno studio clinico randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, su 237 soggetti ha valutato gli effetti di un estratto di bergamotto (500 mg o 1.000 mg) assunto ogni giorno per 3 mesi 18.

È interessante notare che questo studio ha arruolato 32 soggetti che hanno sperimentato tossicità da statine. Prima della loro iscrizione allo studio, questi pazienti hanno smesso di assumere statine per 2 mesi.

Sono stati quindi somministrati 1500 mg di estratto di bergamotto al giorno per 30 giorni, al termine dei quali sono state osservate:

Intestino

La pectina è la principale fibra solubile contenuta nel bergamotto e negli altri agrumi.

La pectina contribuisce a:

Inoltre, anche gli antiossidanti del bergamotto potrebbero contribuire a migliorare la salute intestinale.

Uno studio su topi con colite ha scoperto che il succo di bergamotto inibiva il rilascio di proteine infiammatorie e riduceva gli episodi di diarrea 20.

Altri studi in vitro e su animali suggeriscono che il succo di bergamotto può ridurre l’infiammazione intestinale e combattere i batteri Helicobacter pylori, che sono associati a ulcere allo stomaco e gastrite 21, 22.

Altri Benefici

Aiuta a Dimagrire?

Il bergamotto contiene polisaccaridi e una frazione fibroso-legnosa che possono essere utilizzati per ridurre la sensazione di fame 23.

In uno studio su 64 partecipanti sovrappeso e obesi con lieve ipercolesterolemia, l’estratto di bergamotto assunto per 12 settimane ha ridotto il grasso viscerale e i livelli di colesterolo rispetto al gruppo placebo 24.

Un estratto di polifenoli di bergamotto, arricchito con flavonoidi e pectine, ha prodotto una significativa riduzione del peso corporeo (-15%), della glicemia a digiuno (-18%), dei trigliceridi (-32%) e del colesterolo (fino a -41%), migliorando la sensibilità all’insulina in 52 soggetti 25.

Controllo della Glicemia

Pochi studi hanno valutato gli effetti del bergamotto sui parametri glicemici e gli attuali risultati positivi non sono da sottovalutare.

Dopo un’integrazione giornaliera di 500 mg per 30 giorni, l’estratto di bergamotto ha determinato una riduzione significativa della glicemia rispetto al basale 18.

Inoltre, la naringina ha migliorato la sensibilità generale all’insulina e la tolleranza al glucosio 26.

Salute del Fegato

L’estratto di bergamotto ha un effetto particolarmente forte sul metabolismo dei lipidi nel fegato 27, 28.

Di conseguenza, previene la steatosi epatica non alcolica (cioè l’accumulo di grasso nel fegato) indotta da una dieta ricca di grassi 28. Inoltre, nello stesso modello animale, aumenta l’effetto terapeutico della dieta normocalorica 27.

C’è anche un’evidenza clinica che indica che l’estratto di bergamotto attenua la steatosi e la steatoepatite non alcolica 29, 30.

Proprietà dell’Olio Essenziale

L’olio essenziale di bergamotto svolge attività analgesica, antinfiammatoria, antibatterica e antimicotica.

Possiede inoltre attività ansiolitiche e neuroprotettive.

Come il succo di frutta di bergamotto, anche l’olio essenziale estratto dal frutto potrebbe avere effetti positivi sulla salute cardiovascolare 2.

Studi non clinici indicano che l’uso dell’olio essenziale di bergamotto in aromaterapia può essere efficace per migliorare umore e sintomi di disturbi come ansia indotta da stress e dolore cronico 23.

Sebbene gli studi clinici non siano sempre soddisfacenti dal punto di vista metodologico, dimostrano che l’impiego di olio essenziale di bergamotto in aromaterapia può essere utile per ridurre l’ansia e le risposte allo stress e che merita ulteriori indagini cliniche.

Conto Ansia e Stress

Gli effetti del bergamotto sul sistema nervoso sono controversi.

L’aromaterapia, che prevede l’inalazione di vapore di olio essenziale di bergamotto (da 15 a 30 minuti), sembra essere significativamente utile per ridurre lo stress rispetto al solo riposo 27. Inoltre, può aiutare a ridurre l’ansia rispetto all’inalazione di vapore acqueo 28.

L’inalazione di olio essenziale di bergamotto (diluito 1:75 in acqua distillata e diffuso da un atomizzatore per 15 minuti) e l’ascolto di musica soft (per 15 minuti) si sono dimostrati efficaci come metodo di rilassamento 24.

Uno studio RCT ha valutato gli effetti della somministrazione di olio essenziale di bergamotto sull’ansia, la nausea e il dolore di 37 pazienti pediatrici (bambini e adolescenti) con disturbi maligni e non maligni sottoposti a infusione di cellule staminali.

Lo studio NON ha mostrato alcun beneficio dell’aromaterapia per inalazione nel ridurre l’ansia, la nausea o il dolore quando aggiunta come supporto alla terapia standard 25.

Uno studio pilota ha scoperto che quando l’olio di bergamotto veniva inalato per 15 minuti dalle donne nella sala d’attesa di un centro di cura per la salute mentale migliorava i sentimenti positivi delle partecipanti 26.

Un altro studio ha dimostrato l’effetto rilassante di una miscela di oli di lavanda e bergamotto, fornendo prove del suo uso per il trattamento della depressione o dell’ansia 27.

Benefici Cardiovascolari

10-15 minuti di aromaterapia con olio essenziale di bergamotto agiscono sul sistema parasimpatico, aiutando a ridurre la pressione sanguigna diastolica e sistolica e la frequenza cardiaca 2.

Uno studio del 2006 su 52 pazienti con ipertensione ha osservato che l’olio di bergamotto, in combinazione con l’olio essenziale di lavanda e ylang ylang, può essere usato per ridurre le risposte psicologiche allo stress, i livelli sierici di cortisolo e i livelli di pressione sanguigna.

I tre oli essenziali sono stati miscelati e inalati quotidianamente per quattro settimane da pazienti con ipertensione.

I ricercatori hanno scoperto che i livelli di pressione sanguigna, frequenza cardiaca, stress, ansia e cortisolo erano significativamente diversi da quelli riscontrati nei gruppi placebo e controllo 28.

Salute delle Ossa

Nei modelli animali, la somministrazione orale di olio essenziale di bergamotto (10 mg/kg o 20 mg/kg al giorno per 20 settimane) più altri composti aumenta la salute e la resistenza dell’osso.

Tuttavia, questi dati devono ancora essere verificati in studi sull’uomo 29.

Bellezza della Pelle

Negli animali, l’applicazione topica dell’estratto di bergamotto per 42 giorni ha aumentato il contenuto di collagene e le difese antiossidanti della pelle. Ha anche promosso significativamente la crescita dei peli 30.

Uno studio clinico su pazienti con psoriasi ha dimostrato che il trattamento UVB e olio essenziale di bergamotto, applicato sulle placche psoriasiche 30 minuti prima della fototerapia, ne riduce l’estensione e la gravità 30.

Dosi e Modo d’Uso

Negli studi clinici analizzati, gli estratti di bergamotto sono stati assunti a un dosaggio indicativo di 500-1.300 mg al giorno (standardizzati per contenere 150-500 mg di flavonoidi).

La durata d’uso consigliata va da 30 a 90 giorni 1.

Gli oli essenziali di bergamotto possono essere applicati sul corpo diluendo poche gocce in oli vegetali di base (ad es. olio di mandorle dolci).

Possono anche essere inalati per mezzo dei diffusori oppure mescolati ad altri ingredienti per creare degli spray aromaterapici per ambienti.

L’ingestione dell’olio essenziale di bergamotto è sconsigliata, a meno che non sia certificato per uso alimentare. In tal caso, se ne assumono poche gocce opportunamente diluite in olio o succo di frutto.

Effetti Collaterali e Controindicazioni

Ricorda che non esistono alimenti magici: la dieta nel suo complesso è più importante nella prevenzione delle malattie e nel raggiungimento di una buona salute rispetto ai singoli alimenti.

È quindi meglio seguire una dieta variata piuttosto che concentrarsi sui singoli cibi come chiave per una buona salute.

Estratti Polifenolici

L’uso del bergamotto in molteplici studi clinici ha costantemente dimostrato che è ben tollerato per periodi che vanno da 30 giorni a 12 settimane 29.

In uno studio, è stata osservata in alcuni pazienti una moderata pirosi gastrica (bruciore di stomaco) in seguito all’assunzione di un estratto polifenolico di bergamotto 30.

La sicurezza durante la gravidanza e l’allattamento non è stata stabilita.

Pertanto, l’uso degli estratti o dell’olio essenziale di bergamotto durante la gravidanza e l’allattamento non è raccomandato.

Olio Essenziale

L’olio essenziale di bergamotto è sicuro per la maggior parte delle persone, se aggiunto in piccolissime quantità (pochissime gocce) al cibo o applicato localmente.

Sebbene sia ampiamente utilizzato da molti anni, ci sono state alcune segnalazioni di reazioni fototossiche all’olio essenziale di bergamotto, dovute alla presenza di furocumarine, soprattutto bergaptene 2.

Pertanto, per applicazioni topiche, l’industria cosmetica utilizza un olio essenziale privato delle sostanze fotosensiblizzanti (chiamate anche psoraleni).

Poiché l’olio essenziale di bergamotto potrebbe agire come fotosensibilizzante, si consiglia di evitare l’esposizione al sole nelle ore seguenti all’inalazione, a meno che non si sia certi che il preparato è stato privato di psoraleni.

Il Gesto d'Amore Più Prezioso Per la Tua Pelle

X115® Antiage System è il trattamento antirughe di nuova generazione, basato sull'utilizzo combinato di due prodotti sinergici a elevata concentrazione di attivi:

  • un integratore per la pelle, con doppia formula DAY & NIGHT
  • una crema antirughe contro i segni del tempo SOS TOTAL YOUTH
X115® - Il Gesto d'Amore più Prezioso per la Tua Pelle
Scopri Come Funziona
X115® FACE | Con Peptidi liftanti di 3a Generazione
Scopri i suoi Benefici
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come
Nuova Crema Corpo X115® BODY
Scopri i suoi Benefici
Un Aiuto per le Tue Difese Immunitarie
Scopri Vitamina C Suprema ®
Condividi L'Efficacia X115®
Condividi su Facebook
Prova L'Efficacia di X115®
Sconto 10% Primo Acquisto - Scopri Come